Scritto Marted́ 12 novembre 2013 alle 14:46

Bosisio P.: Avis, Aido e Motoclub Parini ricevono le benemerenze dal Comune

"Quella di questa sera è una cerimonia pubblica importante perché vengono consegnate tre benemerenze. Si tratta di un atto formale, in cui presto le voci e le mani al consiglio comunale che si è espresso all'unanimità sul conferimento di questi riconoscimenti" ha esordito il sindaco Giuseppe Borgonovo alla presentazione di consegna di tre targhe ad associazioni che operano attivamente sul paese.

La consegna delle benemerenze al Moto club

"L'Avis esiste sul nostro territorio da più di quaranta anni, mentre l'Aido da più di trenta anni. Entrambe sono associazioni benemerite che operano nei paesi di Bosisio Parini, Suello e Cesana. È bene ribadire che gli avisini e gli aidini svolgono un'azione fondamentale a tutela della vita umana in maniera silenziosa. Si tratta di un gesto di amore, di umanità molto alto e molto semplice perché comporta, in modo indiretto, donare una parte di se stessi. Un altro aspetto che vorrei sottolineare è quello della gratuità, un concetto che dovremmo valorizzare. Veniamo ora alla donazione. La loro azione è ancora più meritoria perché essa è rivolta a persone di cui non si conosce l'identità" ha affermato il primo cittadino poco prima di consegnare nelle mani dei rappresentanti dei sodalizi l'importante riconoscimento.

Daniele Mauri e Andrea Stefanoni con il sindaco Borgonovo

"Questa benemerenza è la testimonianza di un lavoro che è in essere da quaranta anni e che deve spingerci a continuare"
ha spiegato il vicepresidente dell'Avis Daniele Mauri, mentre il presidente dell'Aido Andrea Stefanoni ha così commentato: "oggi siamo noi a ritirare questo riconoscimento, ma il merito va senza dubbio a tutti quelli che ci hanno preceduto".


Il sindaco si è poi concentrato in modo particolare su una realtà peculiare grazie alla quale Bosisio si distingue su tutto territorio brianzolo, attirando da parecchi anni numerosi appassionati. Si tratta del Moto Club Parini, associazione nata nel 1977. "Quando una realtà esiste da 37 anni non è un caso. Vorrei innanzitutto ringraziare il Moto Club Parini per tutta la fatica fatta in questi anni. La vostra strada non è sempre stata pianeggiante: avrete avuto tante discese e altrettante salite, proprio come la vostra pista. Vi ringrazio per aver promosso quest'attività molto importante e perché grazie a voi si contribuisce alla conoscenza di Bosisio Parini. Vi ringrazio per la vostra determinazione e la capacità di non arrendervi di fronte alle fatiche che vi hanno convinti ancora di più a proseguire con maggiore volontà. Quindi questa caratteristica vi fa davvero onore" ha raccontato Borgonovo, prima di passare ad elencare alcuni dei problemi che la società si trova ad affrontare quotidianamente.


 "Il moto cross è uno sport duro perchè gli incidenti sono sempre in agguato, bisogna poi adeguarsi alle nuove prescrizioni normative. Inoltre vorrei porre l'attenzione sulla vostra capacità di trovare il giusto equilibrio con chi vive vicino al circuito che ha il diritto di vivere in tranquillità, pur consentendo lo svolgimento dell'attività ludica".


Walter Gaiardoni, presidente del sodalizio non ha nascosto la sua emozione. "Questa benemerenza è una sorpresa che arriva dopo trentasette anni di momenti belli, ma anche di periodi brutti che siamo riusciti ad affrontare sempre con tenacia".
Ha ricordato persino quella giornata di un paio di anni fa, quando uno dei miti del motociclismo italiano, Valentino Rossi, ha visitato il circuito bosisiese.
Michela Mauri
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco