Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 145.140.804
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/03/17

Lecco: V.Sora: 93 µg/mc
Merate: 80 µg/mc
Valmadrera: 83 µg/mc
Colico: 91 µg/mc
Moggio: 101 µg/mc
Scritto Venerdì 09 dicembre 2016 alle 17:48

Rogoredo: ''picchetto'' degli ex dipendenti Galbusera. ''Ci hanno privati della dignità''

Erano presenti anche i dipendenti della ex Galbusera Formaggi al "Mercatino in Fiera", organizzato dalla cooperativa Il Trifoglio nella ricorrenza dell'Immacolata.

Alcuni dei lavoratori intervenuti al ''picchetto'' a Rogoredo

All'esterno dell'area di Via Volta, una decina di dipendenti si è radunata in un picchetto informativo, organizzato allo scopo di sensibilizzare i cittadini del territorio e rendere nota la loro situazione lavorativa.
La Galbusera Formaggi, storica azienda di Valaperta - poi trasferitasi in via degli Artigiani - era entrata in crisi un paio di anni fa. Come è noto, l'attività è cessata definitivamente nel dicembre 2015: nonostante ciò, i dipendenti lamentano di essere in attesa del trattamento di fine rapporto (TFR) e delle spettanze arretrate.


Ad oggi, secondo quanto riferito dagli stessi dipendenti e messo ''nero su bianco'' su uno degli striscioni appesi intorno al gazebo informativo, a diciassette operai mancherebbe il TFR e alcuni stipendi, comprese parti di 13esime e 14esime. Sei invece gli operai a cui non sarebbe stato corrisposto il TFR o, in altri casi (tre per l'esattezza) parte dello stesso. Si tratta di dipendenti con un'anzianità lavorativa che va dai 7-8 anni ad un massimo di ben 40 anni: numeri quindi non da poco.


A rendere ancor più grave una situazione già parecchio pesante sarebbero stati altri episodi, come hanno riferito gli operai riportandolo altresì sui cartelli allestiti di fianco al gazebo. In primis la mancata correponsione della cassa integrazione richiesta, dovuta - a detta degli ex lavoratori - ai ritardi nella presentazione della domanda. E poi il finanziamento più volte annunciato che avrebbe dovuto risollevare le sorti della società, ma mai pervenuto e infine la vicenda nel quale sarebbe rimasto coinvolto un ex lavoratore. ''Ad uno di noi sono stati trattenuti i soldi dalla busta paga, ma mai versati. Il nostro collega ha dovuto pagare la cartella esattoriale, dopo un mese impegnato nel capire cosa fosse. E solo dopo c'è stato il rimborso da parte della ditta'' hanno dichiarato e scritto gli ex dipendenti dell'azienda casatese.


Ma a fare più male di tutto sarebbe stato il silenzio dell'azienda in tutti questi mesi. ''Lo scopo di questo picchetto non è tanto quello di ottenere i soldi che ci spettano, quanto piuttosto quello di far conoscere la nostra situazione, raccontando i fatti che sono successi o non successi. Come abbiamo scritto in uno dei cartelli, noi ci sentiamo privati della nostra dignità: questo a causa della non comunicazione da parte dei vertici dell'azienda. Siamo stati più di un anno e mezzo senza ricevere spiegazioni, con una serie di piani di pagamento firmati e mai rispettati. Il 30 luglio dell'anno scorso ci hanno comunicato che avremmo dovuto aspettare a ricevere il nostro TFR, il tutto in una riunione che si è svolta in piedi, senza nemmeno una sedia per sederci'' hanno concluso i lavoratori.
Dopo il picchetto dell'Immacolata all'esterno dell'area fiera, i dipendenti sono stati presenti anche quest'oggi nel parcheggio della scuola dell'infanzia di Valaperta. Un'iniziativa che si ripeterà anche sabato 10 e domenica 11 dicembre.

Lo spazio resta naturalmente a disposizione di quanti avessero qualcosa da aggiungere sulla vicenda.

Articoli correlati:
05.12.2016 - Galbusera Formaggi: ''picchetti'' degli ex dipendenti dall'8 all'11 dicembre
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco