Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 157.485.858
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/09/17

Lecco: V.Sora: 87 µg/mc
Merate: 87 µg/mc
Valmadrera: 90 µg/mc
Colico: 63 µg/mc
Moggio: 89 µg/mc
Scritto Lunedì 09 gennaio 2017 alle 16:13

Casatenovo: testimone della guerra, si è spento Pino Cantù

Pino Cantù
E' mancato nei giorni scorsi Giuseppe ''Pino'' Cantù, 82enne residente a Casatenovo. I volontari dell'associazione Sentieri e Cascine, di cui l'uomo, residente in Via Borromeo, faceva parte, hanno voluto ricordarlo con un messaggio di affetto.
Proprio al sodalizio che si batte per la valorizzazione del territorio casatese, Cantù aveva infatti rilasciato nel 2013 una lunga videointervista, fornendo la propria personale testimonianza rispetto ad alcuni episodi vissuti durante la seconda guerra mondiale. Aveva raccontato soprattutto quando di nascosto insieme alla nonna, portava viveri agli ''sbandati'' che si rifugiavano nella sua cascina, subendo oltretutto la visita delle Brigate Nere fasciste. E solo grazie al caso e ad un po' di fortuna che suo padre e forse ad altri della famiglia riuscirono ad evitare la traduzione in Germania.
Degli ideali di giustizia sociale e solidarietà, Cantù aveva fatto un vero e proprio baluardo di vita, partecipando anche alla manifestazione Sentierando in Brianza, sia nel 2013 che due anni più tardi, raccontando la propria esperienza e fornendo qualche interessante aneddoto sulla storia del territorio.
I funerali di Pino Cantù, vera e propria anima dell'associazione La Colombina, si sono svolti lo scorso sabato pomeriggio nella parrocchia di S.Giorgio. L'uomo lascia la moglie Maria Pia e i figli Fausto e Filippo.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco