Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 151.138.890
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 25/06/17

Lecco: V.Sora: 133 µg/mc
Merate: n.d. µg/mc
Valmadrera: 126 µg/mc
Colico: 113 µg/mc
Moggio: 174 µg/mc
Scritto Venerdì 21 aprile 2017 alle 08:28

Monticello: nella veglia di Pasqua John riceve i sacramenti al termine di un percorso di avvicinamento alla religione cattolica

Un percorso di avvicinamento alla religione cattolica culminato con la celebrazione della veglia pasquale, quando John Ross Best ha ricevuto i sacramenti dell'iniziazione cristiana davanti alla comunità parrocchiale di Monticello.

Alcune immagini del rito svoltosi lo scorso sabato in parrocchia a Monticello

Il 29enne, residente in paese da circa sette anni - ma nato e cresciuto vicino alla città di Wakefield, nella contea dello Yorkshire - è stato infatti protagonista di un cammino di iniziazione durato parecchi mesi, che si è appunto concluso lo scorso sabato sera durante la liturgia pasquale celebrata dal parroco don Gabriele Carena, in una chiesa gremita di fedeli.
Il primo e concreto incontro con la religione cattolica, è avvenuto per John circa tre anni fa, durante il cammino di preparazione al matrimonio con Cecilia, sua attuale moglie, nonchè principale ragione che lo ha spinto a trasferirsi in Italia.


''Non essendo battezzato per scelta dei miei genitori - ci ha spiegato il giovane - per molti anni non mi sono mai posto domande riguardo la religione. Ovviamente ne avevo studiato le basi a scuola, senza approfondire né in chiesa, né a casa. Può sembrare strano, ma il primo contatto con il cristianesimo è avvenuto circa tre anni fa quando ho iniziato a frequentare il corso prematrimoniale a Barzanò. Mi ricordo che quando parlai per la prima volta con il parroco di Monticello, don Gabriele, sono stato accolto molto bene. Cecilia ed io ci siamo infatti sposati con il rito misto, senza che ci fosse l'obbligo di convertirmi, né nulla del genere. C'era soltanto il corso da frequentare. L'accoglienza ricevuta dalla chiesa mi ha portato a rivalutare certi miei pregiudizi in merito alla religione organizzata''.


Un percorso di avvicinamento al cattolicesimo durante il quale John ha maturato la curiosità di saperne sempre di più, soprattutto dopo essere entrato in contatto con le sacre scritture. Da lì la decisione di avviare il cammino di catecumenato nell'estate 2015. ''Sono stato attirato dalla Parola, che volevo vedere trasformata in azione. Diciamo che la fede mi ha dato un senso di prospettiva: una profonda analisi degli eventi nella mia vita che, in passato, imputavo al caso, piuttosto che ad un disegno più grande'' ha proseguito il monticellese. ''Sin da subito mi ha guidato il mio accompagnatore, Alessandro Cantù, che ho visto praticamente ogni settimana per discutere e approfondire argomenti importanti: non solo lo studio dei Vangeli e libri dell'Antico Testamento, ma anche discussione su come vivere da cristiani e seguire i comandamenti. Lo ringrazio molto, perché mi ha sempre dedicato tempo e mi ha saputo trasmettere un buon esempio''.


Un cammino che si è concluso quindi la sera della Veglia Pasquale al termine di due anni scanditi da diversi ritiri organizzati dall'équipe della zona pastorale di Lecco. Sabato infatti, John Ross Best ha ricevuto battesimo, comunione e cresima, ovvero i sacramenti dell'iniziazione cristiana. Salito sull'altare, è stato protagonista di un momento molto intenso davanti all'intera comunità di fedeli presenti. Al suo fianco, durante la cerimonia, la moglie Cecilia, la madrina (nonchè cognata) Emanuela e l'accompagnatore Alessandro.


Prima ancora - insieme ad altri due catecumeni - John era stato protagonista del rito di Elezione a Lecco nel mese di febbraio e di tre scrutini in chiesa. Sabato 8 aprile si è tenuta la ceremonia del Traditione Symboli in Duomo, occasione in cui ha potuto incontrare l'Arcivescovo di Milano Angelo Scola, oltre ad aver visto Papa Francesco durante la sua recente visita allo stadio Meazza di Milano.
''È stato un percorso emozionante che non dimeticherò mai. Ringrazio don Gabriele e tutta la parrocchia per il caloroso benvenuto che mi è stato dato. Appartenere a questa comunità mi rende molto felice, spero solo di poter dare tanto quanto ho ricevuto'' ha concluso John.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco