Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 161.927.459
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/11/17

Lecco: V.Sora: 56 µg/mc
Merate: 32 µg/mc
Valmadrera: 56 µg/mc
Colico: 40 µg/mc
Moggio: 87 µg/mc
Scritto Martedì 16 maggio 2017 alle 13:47

Bulciago: in consiglio via libera al bilancio 2016 e valorizzazione del ''Piccolo Museo''

Il sindaco Luca Cattaneo
Sono stati due gli argomenti al centro del consiglio comunale di Bulciago di lunedì sera: il rendiconto dell'esercizio finanziario del 2016 e la convenzione per la promozione e la valorizzazione del sistema museale provinciale.
Il sindaco Luca Cattaneo ha illustrato al pubblico (vale a dire la stampa) e ai consiglieri i numeri del bilancio dell'anno passato del Comune di Bulciago: a fronte di un'entrata di circa 2.450.000 euro si è registrata una spesa di quasi due milioni di euro. Una differenza ingente che però, pur mantenendo in attivo il bilancio del Comune di Bulciago, non finisce immediatamente nella disponibilità di spesa degli uffici. Come ha spiegato il sindaco infatti, "ci trasciniamo una serie di crediti, pari a circa 400.000 euro, che alcune aziende hanno maturato nei confronti dell'istituzione comunale", risultando però, di difficile riscossione per due motivi: il perdurare di quelle situazioni di difficoltà e la precedenza accordata dagli enti preposti ad altre realtà creditrici.
L'ammontare effettivamente disponibile nelle mani dell'amministrazione, tra accantonamenti e spese già vincolate, è quindi destinato a ridimensionarsi a circa 160.000 euro. Conclusa la spiegazione della parte più tecnica, il consigliere nonché assessore con delega, tra le altre, ai lavori pubblici, Tonino Filippone si è preso il compito di trarre alcune indicazioni politiche dalla situazione presentata dal sindaco. "Ci attiveremo nei modi opportuni, perché non è giusto che il Comune venga penalizzato a fronte di altri creditori, perchè non è il figliastro di nessuno ma un ente da tutelare in pari misura di altri soggetti". Altra nota polemica l'ha rivolta agli enti preposti affinché accelerino le procedure per evitare che zone, precedentemente produttive, "diventino cimiteri".

Il consiglio comunale riunito lunedì sera a Bulciago

Prima di elencare i lavori messi in cantiere dall'amministrazione Cattaneo, come quelli che presto interesseranno via don Guanella e via Roma, ha preso la parola anche l'assessore e vicesindaco Raffaella Puricelli che ha ribadito l'impegno a ottenere i "crediti esigibili con la buona volontà e sedendosi allo stesso tavolo".
A chiudere la discussione sul primo punto, il voto dei consiglieri che, all'unanimità si sono espressi a favore del rendiconto
Il Piccolo Museo di Bulciago
dell'esercizio finanziario 2016.
Il secondo punto dell'ordine del giorno ha riguardato invece, l'adesione alla convenzione per la promozione e la valorizzazione del sistema museale della provincia di Lecco, approvata dal consiglio provinciale il 16 dicembre 2016. Come ha spiegato l'assessore Raffaella Puricelli, l'obiettivo è quello di portare anche il "Piccolo museo della tradizione contadina" all'intero della rete museale provinciale in modo da ottenere i vantaggi, "già sperimentati con la biblioteca", di far parte di una rete più grande.
In particolare, ha ricordato, grossi benefici arriveranno, soprattutto, dal punto di vista amministrativo, organizzativo e comunicativo. Ha quindi speso qualche parola per descrivere il Piccolo Museo, "un vanto per l'intera comunità dove sono conservati oggetti che raccontano la quotidianità della vita pre industriale", e per ringraziare sia la famiglia Maggi che le altre "che hanno contribuito al progetto" oltre all'attuale lavoratore socialmente utile Daniele, che è diventato "il primo custode del museo".
Sui costi che l'adesione al sistema museale provinciale comporta, ha spiegato come si tratti di una spesa annuale dall'importo di 1000 euro per i comuni sotto i 5000 abitanti. Al di là dei costi però, l'approvazione della convenzione costituisce anche il primo passo, ha concluso l'assessore, per "dare inizio a un lavoro di trasmissione culturale che coinvolgerà le generazioni più anziane".
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco