Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.493.611
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Mercoledì 31 maggio 2017 alle 19:17

Nel dettaglio i lavori realizzati per rendere il presidio ''green''

L'intervento realizzato presso la sede Inrca di Casatenovo - progettato da Tekn&Co con il supporto del Ministero dell'Ambiente - consiste in opere di tipo impiantistico ed edilizio. In particolare sono stati installati nuovi impianti geotermici, di cogenerazione, fotovoltaico, di ventilazione meccanica controllata e recupero di calore, di sistemi automatici di controllo e regolazione, nonchè la creazione di un efficace involucro: isolamento a cappotto e sostituzione integrale dei serramenti. Questo ha consentito di ridurre i consumi, con l'obiettivo futuro di limitare ulteriormente la bolletta energetica e di conseguenza le emissioni nocive nell'ambiente.

La presentazione del progetto da parte dello staff di Tekn&Co

Le parole dell'ingegner Giovanni Madeo hanno reso bene l'idea rispetto alla complessità della burocrazia affrontata lungo il percorso progettuale. ''Il lavoro si è protratto per diverso tempo soprattutto a causa di una serie di vincoli: sull'immobile, originariamente casa di riposo e cura, gravavano una serie di prescrizioni imposte dalla Soprintendenza, proprio a causa del suo valore storico''.
Un intervento impegnativo quindi, come ha confermato Giuliano Visinoni di Tekn&Co. ''A causa della lentezza della burocrazia, abbiamo perso dai sei agli otto mesi: è stato necessario espletare una verifica dell'interesse non monumentale del bene, per poter svolgere alcune opere previste, nonostante già il Comune di Casatenovo prevedesse una serie di prescrizioni alle quale attenerci durante l'intervento''.


L'architetto Crevenna e l'ingegner Carminati sono invece entrati nel merito del progetto, relazionando i dettagli tecnici. Dal punto di vista edilizio è stato realizzato un isolamento a cappotto delle pareti perimetrali dell'edificio per una superficie di circa 3207 mediante preventiva preparazione delle superfici. Sono stati poi sostituiti i serramenti in legno e alluminio con infissi di nuova generazione e isolate le coperture piane negli spazi non occupati dagli impianti tecnologici per circa 1963 .
Per quanto riguarda la parte impiantistica invece, è stato installato un impianto geotermico con pompe di calore che andranno a sostituire, anche se non integralmente, le caldaie alimentate a gas metano esistenti.


A completare l'intervento, un impianto di cogenerazione, un nuovo sistema di ventilazione meccanica controllata, un nuovo impianto solare fotovoltaico sulla copertura dell'edificio. Infine un sistema di automazione per la regolazione dell'impianto termico all'interno della struttura e un controllo delle nuove parti impiantistiche in modo da ottimizzarne il funzionamento e massimizzare il risparmio energetico.
Tre gli obiettivi principali: riduzione dei consumi di energia, abbattimento produzione CO2 e riqualificazione architettonica.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco