Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 159.139.644
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/10/17

Lecco: V.Sora: 100 µg/mc
Merate: 111 µg/mc
Valmadrera: 98 µg/mc
Colico: 77 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Martedì 10 ottobre 2017 alle 12:12

Referendum consultivo regionale: il voto ci costerà più di 50 milioni. Io ho deciso: non andrò a votare

Il 22 ottobre prossimo si voterà per il referendum lombardo che chiede più autonomia. La settimana scorsa Maroni ha finalmente presentato il conto, assai salato, del voto elettronico.

Ecco quanto ci costerà:



Come già detto questi numeri sono previsioni ufficiali
Come si nota è una cifra spropositata per un referendum che non avrà effetti pratici perché bisognerà aprire una trattativa con il governo per discutere del problema! Qualcuno (i Cinque Stelle) pensava di farsi prestare le macchinette dall'India o dal Brasile!
Invece ci costa più di 50 milioni! milioni con il solo vantaggio di avere i risultati dello spoglio un paio d'ore prima. E bisogna altresì ricordare che il voto su tablet è stato introdotto solo per i referendum consultivi regionali. Quanti ne sono stati fatti dal 1970 ad oggi? Nessuno. Quindi altro che investimento, come dice Maroni, sono soldi che si potevano benissimo risparmiare!

Ambrogio Sala

Quanto, poi, all'utilità del referendum, il presidente dell'Emilia Romagna Bonaccini è andato a Roma a trattare il trasferimento di materie spendendo solo i soldi del biglietto del treno e non è escluso che ottenga risposte ben prima di Maroni, che ha voluto fare il referendum.
Ma, un giorno, il governatore lombardo ci dovrà spiegare perché fu proprio il governo di cui faceva parte, a fermare la trattativa che, nel 2007, la Regione Lombardia aveva aperto e ben avviato con il governo Prodi.
Per tutte queste ragioni, io non andrò a votare il 22 ottobre ed invito, altresì, coloro che pensano che il referendum sia uno spreco inutile a disertare le urne.
Si pensi, invece, ai ceti più deboli (disoccupati, anziani) che faticano ad arrivare alla fine del mese.

Ambrogio Sala
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco