Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 163.590.125
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 30/11/17

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 58 µg/mc
Valmadrera: 66 µg/mc
Colico: 65 µg/mc
Moggio: 86 µg/mc
Scritto Giovedì 12 ottobre 2017 alle 18:01

Costa: disturbi olfattivi da una vasca della Limonta Spa, verrà installato uno scrubber

Enrico Panzuti
Molestie olfattive a Costa Masnaga, nelle vicinanze dell'azienda Limonta Spa. Le prime segnalazioni sono giunte dai cittadini che risiedono nelle vicinanze e poi anche da passanti che, avvertendo forti odori in alcune giornate, hanno cominciato a domandare la provenienza persino attraverso i canali social.
Il caso è anche approdato anche all'ultimo consiglio comunale, sollevato da un'interpellanza di Costa2014. "Abbiamo chiesto delucidazioni all'amministrazione in merito a un problema che si protrae da mesi nella zona Limonta, con odori nauseanti soprattutto nelle ore serali. Questo desta preoccupazione anche per l'eventuale nocività di tali odori" ha spiegato il capogruppo di minoranza Enrico Panzuti.
"Il problema è nato dopo l'ammodernamento di una vasca di decantazione di fanghi naturali che l'azienda Limonta utilizza regolarmente per la propria attività" ha spiegato il vicesindaco e assessore all'ambiente Cristian Pozzi, che ha subito chiarito: ''non si tratta di materiale nocivo, è soltanto un disturbo olfattivo a cui l'azienda sta lavorando per porre rimedio. L'amministrazione è stata regolarmente informata dei passaggi compiuti".
La società masnaghese ha fatto pervenire all'amministrazione una relazione in cui ha sinteticamente indicato le azioni correttive poste in essere per cercare una soluzione a tale disturbo.
A seguito delle prime segnalazioni, pervenute già nella scorsa estate, l'azienda aveva precisato che l'origine degli odori era causata da un processo di depurazione biologia a fanghi attivi. A seguito di una sollecitazione del comune, Limonta aveva comunicato di aver cominciato i lavori di confinamento. "Nella stessa comunicazione abbiamo specificato che durante i controlli effettuati dall'ARPA nelle date del 17 febbraio 2016, 04 marzo 2016 e 07 marzo 2016 all'interno del controllo ordinario IPPC non sono state riscontrate anomalie" hanno spiegato dall'azienda. Da ottobre ad aprile non si sono più registrati odori molesti, tuttavia la società ha sperimentato l'utilizzo di un prodotto deodorizzante che, pur avendo migliorato la situazione, non è stato risolutivo. A seguito di quest'intervento, l'impresa che ha progettato l'impianto di depurazione ha effettuato un sopralluogo
Cristian Pozzi
tecnico per effettuare alcuni lavori volti a ridurre il disago.
Lo scorso 5 luglio anche il consorzio Valbe ha realizzato un sopralluogo senza riscontrare anomalie. "Dal momento che tutti gli impianti di depurazione hanno problemi di molestie olfattive, abbiamo valutato le soluzioni tecniche da loro adottate per ridurre il disagio e abbiamo contattato ditte specializzate da loro utilizzate". Dopo aver avviato rapporto con alcune ditte specializzate, lo scorso agosto Limonta ha comunicato al comune l'intenzione di installare uno scrubber, per il quale è necessario ottenere l'autorizzazione di Arpa, Ats e Provincia.
Il nuovo sistema di abbattimento consisterà in un'unità di filtrazione a secco mediante filtri composti da una miscela di carboni attivi ed allumina. "Questi prodotti sono in grado di abbattere in maniera irreversibile un'ampia gamma di composti gassosi odorigeni" si legge nella relazione.
Non ci saranno più fenomeni di desorbimento dei gas. I granuli di allumina provocano l'adsorbimento fisico dei composti odorigeni attraverso forze di attrazione molecolare: da qui si originano le reazioni chimiche che portano ad eliminare i composti non desiderati. "Tali reazioni variano a seconda del composto da trattare e della sostanza chimica impregnata sull'allumina (sostanza attiva). Ad ogni modo le reazioni chimiche sono praticamente immediate tanto è vero che si completano già dopo 0,1 secondo di contatto molecolare. Grazie quindi a questo processo combinato di adsorbimento fisico e trasformazione chimica i composti gassosi vengono intrappolati nei pori come prodotti di reazione solidi, inodori e inerti. Si tratta pertanto di un vero e proprio abbattimento irreversibile degli odori" hanno comunicato dalla società.
L'intervento, in attesa di tutte le autorizzazioni degli enti, dovrebbe essere completato entro questo mese.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco