Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 161.542.486
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/11/17

Lecco: V.Sora: 56 µg/mc
Merate: 32 µg/mc
Valmadrera: 56 µg/mc
Colico: 40 µg/mc
Moggio: 87 µg/mc
Scritto Martedì 14 novembre 2017 alle 17:12

Rogoredo: la corale di S.Gaetano celebra trent'anni di fondazione con un concerto

Novembre 1987 - novembre 2017. Sono trascorsi trent'anni dalla nascita della corale di San Gaetano. Un'avventura iniziata qualche giorno prima del Natale del 1987 e che, negli anni, è diventata sempre più un punto di riferimento per la comunità di Rogoredo.

Un momento del concerto a Rogoredo

Ad accogliere i coristi, venerdì sera nella chiesa di San Gaetano, è stato un pubblico festoso di fedeli che ha ascoltato con grande attenzione e passione tutti i brani proposti dalla corale, a partire dal "Salmo otto", che ha aperto la serata musicale. "Lo cantiamo da trent'anni. Per noi è come un vestito, che ormai ci appartiene" ha spiegato la direttrice del coro, Isabella Beretta. "Non siamo un coro professionista, ma liturgico. Infatti, abbiamo voluto cominciare questo concerto proprio con una preghiera".

Isabella Beretta e Alberto Baldrighi


Un traguardo ambito, quello dell'anniversario trentennale, per cui la direttrice ha anche voluto ringraziare chi ha reso possibile quest'avventura. "Innanzitutto gli organisti: Alessandro La Ciaciera è un concertista internazionale e docente all'istituto pontificio, Lucia Brambilla, diplomata in pianoforte. Lorenzo Cogliati invece studia jazz al conservatorio di Como. Abbiamo un altro ospite: Alberto Baldrighi, un pianista docente al conservatorio di Brescia che stasera sarà la nostra voce guida. Un grazie anche al sindaco, alle autorità comunali, agli sponsor e alla parrocchia" ha concluso la direttrice.

VIDEO



Ed è stata proprio la voce guida di Baldrighi ad introdurre i brani musicali del repertorio della corale, che ha regalato al pubblico note classiche e più moderne, fino ad un Salve Regina scritto per il coro dal maestro La Ciaciera. "Coro è fare musica insieme, un momento di condivisione e di gioia. Alla famiglia Beretta mi lega da tanti anni una grande amicizia. Ricordo il fratello di Amedeo, papà di Isabella, don Ettore Beretta. Ho debuttato al teatro Solari di Milano dove lui era sacerdote: oggi anche lui è qui con noi" ha spiegato Baldrighi.

Il parroco don Antonio Bonacina e il sindaco Filippo Galbiati

In trent'anni, la storia del coro è stata piena di protagonisti che si sono impegnati per far sì che questa fosse una grande avventura che dura ancora oggi: fra un brano e l'altro, un corista, Carlo Cogliati, ha ripercorso il cammino della corale di San Gaetano, mentre diverse foto che scorrevano sul video raccontavano una storia trentennale. "Armando era una persona impegnata nel sociale e nella politica. Era un organista autodidatta in parrocchia e, nel 1987, con don Luigi, fu tra i primi fondatori del coro. Una trentina "i ragazzi" che hanno risposto al suo invito. A dirigerci era Dario". Da lì, inizia una storia lunghissima, in cui nessuno era inadeguato ed escluso e grazie alla quale tutti con il loro canto potevano lodare il Signore.


"Infatti prediligevamo testi dal significato profondo, come quelli di padre Turoldo e Pierangelo Comi. L'anno dopo è arrivata Isabella. Lei ci ha diretto con impegno e pazienza, soprattutto accentandoci come siamo. Siamo cresciuti nel canto, anche grazie agli organisti"
. E così, la corale San Gaetano ha potuto mettersi in gioco anche con brani impegnativi. "Questo perché il canto prima di tutto è piacere e gioia, specialmente quando animiamo le celebrazioni liturgiche. Ricordiamo anche altri nostri amici che non sono qui fisicamente ma che di sicuro stanno cantando con noi, come Mario Viscardi, Guido, Rosi. D'altronde, come amava ricordare Dario, beati coloro che coltivano la musica e fanno cantare la gente".

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


Ad intervallare le note del coro, anche un ricordo per chi non c'è più, a cui è stata dedicata una poesia scritta da Tiziano Sironi.
Presenti in chiesa anche diversi ex coristi, famigliari, amici oltre al parroco don Antonio Bonacina, con il vicario don Luciano Galbusera, al consigliere comunale Enrica Baio e al sindaco Filippo Galbiati, che ha voluto salutare personalmente i presenti.

Alessandro La Ciaciera, Lucia Brambilla e Lorenzo Cogliati

"Queste voci per me sono familiari, le ho ascoltate davvero molte volte: insieme alle vostre ho sentito anche quelle di Mario, Rosi, Guido, Armando e Dario" ha ricordato, commosso. "Il vostro impegno e la vostra costanza mi ricordano in particolare la figura di Armando è stato un vero maestro. La bellezza della musica e della gioia di cantare mi ricorda la figura di Dario. Aveva una caratteristica particolare: la radicalità, con cui viveva tutti i valori della nostra storia" ha affermato, prima di leggere due brani tratti da un libro regalatogli dallo stesso Dario. "Esservi trovati qui per trent'anni il lunedì sera è una storia di persone e di uomini, che ha detto qualcosa. Grazie".
Un ringraziamento anche da parte del parroco e prevosto della comunità pastorale di Casatenovo, don Antonio Bonacina. "Grazie a questo magnifico coro perché mi avete rapito la mente e il cuore coinvolgendomi tanto. Da qui, possiamo ricaricarci e riprendere con slancio il cammino. Vedo anche che c'è tanta storia in questi trent'anni e questa occasione è stata molto proficua per imparare a conoscerla. Per questi motivi e per il vostro continuare questa avventura vi dico grazie" ha concluso.


E al termine degli applausi scroscianti che hanno salutato l'ultimo brano, la festa è proseguita in oratorio, con il rinfresco preparato con cura dai volontari dell'oratorio rogoredese, impegnati anche la scorsa domenica nella preparazione del buonissimo pranzo per festeggiare l'anniversario di ordinazione sacerdotale dei tre sacerdoti valapertesi, monsignor Gaetano Galbusera, padre Domenico Galbusera e don Damiano Galbusera. Domenica, invece, la santa messa, accompagnata dalla corale di San Gateano e di Santa Cecilia di Bernate.
Laura Vergani
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco