Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 163.504.675
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 30/11/17

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 58 µg/mc
Valmadrera: 66 µg/mc
Colico: 65 µg/mc
Moggio: 86 µg/mc
Scritto Lunedì 04 dicembre 2017 alle 22:22

Viganò: in consiglio la minoranza critica i contributi a biblioteca, asilo e Villa Greppi

Il piano di diritto allo studio per l'anno scolastico 2017/2018 è stato al centro di un acceso dibattito tra maggioranza e opposizione, nel corso dell'ultima riunione del consiglio comunale di Viganò.
Infatti, se le risorse destinate alla scuola primaria e alla secondaria di primo grado di Barzanò sono state condivise e giudicate proporzionate alle necessità anche dalle minoranze, oggetto di critica sono invece state le scelte fatte per la scuola d'infanzia e le attività culturali.

Da sinistra l'assessore Renato Ghezzi, il sindaco Fabio Bertarini e il segretario Marco Redaelli

Come illustrato dall'assessore Renato Ghezzi, alla materna sono stati destinati 25.000 euro in base alla convenzione stipulata con l'ente privato, 5.000 euro per il sostegno didattico e 500 euro per il nuovo servizio di sportello psicologico: l'amministrazione comunale ha infatti deciso di estendere anche alla scuola dell'infanzia il servizio, già attivo e apprezzato alla primaria: coprirà un totale di 20 ore, e ne potranno beneficiare anche insegnanti e genitori dei piccoli alunni. Per quanto riguarda le attività culturali, il focus del dibattito è stato sui 20.000 euro destinati alla biblioteca, sui 6.500 al Consorzio Villa Greppi, e sui 4.000 euro suddivisi tra le iniziative L'ultima Luna D'estate e Brianza Classica.

I consiglieri di minoranza Monica e Maria Vittoria Sala. A destra Daniele Valtolina

"Le criticità sono le stesse segnalate un anno fa. In base a convenzione erogate solo 25.000 euro alla scuola dell'infanzia, e destinate cifre faraoniche alla biblioteca, dove si sarebbe invece potuto incentivare l'impiego dei volontari, e al Consorzio Villa Greppi" ha commentato il capogruppo della Lega Nord, Maria Vittoria Sala. "L'asilo rappresenta un'eccellenza per la nostra comunità, e andrebbe sostenuta il più possibile" ha detto Daniele Valtolina, consigliere che rappresenta l'altro gruppo di minoranza, Per Viganò.
"I volontari ci servono, in biblioteca e non solo. Non abbiamo mai mandato via nessuno che si è detto disponibile ad aiutare. Da verbale l'anno scorso, durante l'approvazione del piano, il consigliere Sala parlava di 'dissesto' per il Consorzio Villa Greppi, che non mi pare sia avvenuto. Oggi parla di spese 'faraoniche' per la biblioteca, se le parole hanno un senso, con tale devono essere usate. Per quanto riguarda l'asilo, si tratta di un'eccellenza certo, ma privata, e come tale non può essere interamente sostenuta dal comune" ha risposto l'assessore Ghezzi.


Maria Vittoria Sala è quindi ritornata sulla situazione di criticità finanziaria del Consorzio Villa Greppi, risanata a suo dire da un trasferimento inaspettato. Secca la risposta del consigliere Armando Fettolini, che fa parte del Cda del Consorzio. "Abbiamo ottenuto risposte attraverso un bando della fondazione Cariplo. Si tratta quindi di soldi arrivati a fronte di un progetto ritenuto degno di essere premiato, e non per coprire un presunto dissesto".
Il consigliere Lega Nord Monica Sala, in qualità anche di socio dell'asilo ha quindi sottolineato come la convenzione, arrivando a quota 25.000 copra solo un numero definito di bambini.


"Non si parla di 25.000 euro, perché sommando sostegno didattico e sportello psicologico si arriva a 30.500 euro per l'asilo, a fronte di un piano che ha un totale uscite di 142.000 euro. Al Consorzio Villa Greppi vanno 6.500 euro e non, come si è lasciato intendere 10.500 euro. I 4.000 euro di differenza finanziano attività culturali che abbiamo scelto di ospitare che, nel caso di Brianza Classica non c'entrano nulla con il Consorzio" ha precisato il sindaco Fabio Bertarini. "Inoltre l'asilo, siete sicuri che sia così caro ai viganesi? A quanto ci risulta i soci sono in calo e tra chi resta molti non pagano la quota annuale".
Non soddisfatti dalle risposte, i tre consiglieri di minoranza hanno espresso parere contrario durante la successiva votazione.
Nel corso della riunione, Stefania Rovelli e Monica Sala sono infine state nominate dai colleghi come rappresentanti nel consiglio d'amministrazione della scuola d'infanzia "A. Sala Nobili".
A.Z.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco