Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.976.345
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Martedì 09 gennaio 2018 alle 15:58

Dolzago: processo per diffamazione estinto per 10 membri della lista di Lanfranchi dopo aver risarcito Panzeri. Prosegue solo per uno

Il sindaco Lanfranchi a capo di
''Impegno comune per Dolzago''
A distanza di quasi quattro anni dalla campagna elettorale che aveva decretato a Dolzago la vittoria dell'attuale sindaco Paolo Lanfranchi e della sua squadra, si è (parzialmente) chiusa quest'oggi in Tribunale a Lecco la vicenda giudiziaria scaturita proprio dalla chiamata alle urne della cittadinanza, nella primavera 2014.
Al centro dei fatti un volantino distribuito casa per casa dai componenti della lista ''Impegno comune per Dolzago'', l'attuale maggioranza in carica, e ritenuto diffamatorio dall'altro candidato sindaco, Piergiorgio Panzeri, che aveva sporto querela nei confronti di tutti i componenti della formazione capeggiata da Lanfranchi. L'attuale consigliere di opposizione aveva infatti ritenuto quello scritto lesivo della propria immagine rispetto all'operato amministrativo svolto alla guida del paese dal 2004 al 2009.
In particolare il volantino avrebbe mosso critiche circa un presunto rimborso spese percepito dall'ex primo cittadino e alcune realizzazioni edilizie che, a detta degli autori del volantino, sarebbero avvenute durante il suo mandato alla guida del comune dolzaghese.
Il fascicolo, con indagini svolte dalla Digos di Lecco, era finito nelle mani del sostituto procuratore Silvia Zannini che ne aveva chiesto l'archiviazione, non ritenendo vi fossero gli elementi per procedere penalmente nei confronti dei membri della lista dolzaghese. Si era però opposto il gip Paolo Salvatore, chiedendo per tutti e undici l'imputazione coatta. Quest'oggi il giudice monocratico Enrico Manzi ha dichiarato il reato estinto a seguito del risarcimento economico proposto alla parte offesa da dieci degli undici imputati, già accettato da Panzeri e pari a 3500 euro complessivamente.
Stralciata quindi dal fascicolo la posizione di Paolo Lanfranchi, Serena Galbiati, Alessia Brivio, Beatrice Civillini, Selena Crippa,
Il consigliere Panzeri
Dario Monti, Gaetano Bertacchi, Alessandro Corti, Claudio Bonfanti e Gianni Pellegatta, tutti assistiti dagli avvocati Stefano Pelizzari e Giuseppe Chiarella. Per loro il giudice Manzi ha dichiarato il non doversi procedere essendo il reato estinto, riservandosi trenta giorni per il deposito della motivazione.
Il procedimento giudiziario prosegue invece per Roberto Molteni, unico a non aver condiviso la proposta risarcitoria nei confronti di Panzeri. Per lui, difeso dall'avvocato Giuseppe Visconti, il processo riprenderà il prossimo 13 luglio con l'audizione dei testi indicati in lista e l'esame chiesto quest'oggi dal vice procuratore onorario Mattia Mascaro in rappresentanza della pubblica accusa. Nessun commento a chiusura dell'udienza da parte dell'imputato, che si ritiene tuttavia estraneo ai fatti che gli vengono contestati, come si è limitato a riferire il suo difensore.
Resta nei suoi confronti la costituzione di parte civile, ribadita stamani in udienza dall'avvocato Marcello Lorusso, legale di fiducia di Piergiorgio Panzeri.
Articoli correlati:
10.02.2016 - Dolzago: imputazione coatta per il sindaco e la sua lista, per la presunta diffamazione a Panzeri
13.01.2015 - Dolzago: volantino elettorale contro il candidato Panzeri. Il sindaco e la sua lista indagati dalla Digos per diffamazione
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco