Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.976.326
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Martedì 09 gennaio 2018 alle 19:23

Processo per diffamazione: il comunicato del sindaco Lanfranchi

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso dal sindaco Paolo Lanfranchi a seguito della sentenza pronunciata quest'oggi dal giudice Enrico Manzi del tribunale di Lecco:

In relazione al procedimento sorto a seguito della querela sporta dal dott. Piergiorgio Panzeri e pendente avanti il Tribunale di Lecco per il reato di cui all'articolo 595 commi 1 e 3 cp, i signori Lanfranchi Paolo, Monti Dario, Brivio Alessia, Galbiati Serena, Corti Alessandro, Pellegatta Gianni, Bertacchi Gaetano, Bonfanti Claudio, Civillini Beatrice e Crippa Serena, tutti componenti della lista Impegno Comune per Dolzago hanno ritenuto conveniente ricorrere all'istituto di cui all'art. 162 ter cp recentemente introdotto nel nostro ordinamento.
In particolare, pur senza riconoscimento alcuno di responsabilità, è stata offerta al dott. Panzeri, che si riteneva diffamato da un volantino della predetta lista distribuito In occasione della scorse elezioni amministrative, la somma di € 3.500 a titolo di qualsiasi danno eventualmente subito dallo stesso.
La scelta di ricorrere a questo nuovo metodo, ed addivenire ad una soluzione, è stata dettata dal desiderio di poter continuare ad amministrare serenamente nell'interesse dei dolzaghesi, senza dover sottrarre tempo ed energie per dedicarle alla questione aperta nei confronti di Panzeri.
Sicuramente anche la vita privata e familiare degli interessati ne gioverà. Non dimentichiamoci infatti che all'interno del gruppo ci sono madri e padri di famiglia, che in questo periodo hanno spesso riversato anche all'interno dei propri nuclei familiari la loro tensione.
Il giudice ha ritenuto congrua l'offerta ed ha assolto tutti i predetti imputati.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco