Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.976.390
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Mercoledì 10 gennaio 2018 alle 17:11

Casatenovo: conclusi i lavori a Grassi, ora l'analisi sismica coinvolge il plesso di Bracchi

Concluso l'intervento al plesso di Cascina Grassi, ha preso il via la terza analisi della vulnerabilità sismica delle scuole di Casatenovo, con particolare riferimento alla scuola primaria di Bracchi. Un adeguamento resosi necessario a seguito dell'evoluzione normativa in materia sismica e dell'aggiornamento regionale delle zone di rischio.


''A Grassi i lavori sono terminati secondo il programma che ci eravamo dati e le classi sono rientrate subito dopo le vacanze di Natale, periodo che abbiamo sfruttato per trasloco e pulizie. Ora la scuola è sicura ed ha tutti i requisiti richiesti dalla normativa e dalla nuova zonizzazione regionale del rischio sismico'' ha spiegato il sindaco Filippo Galbiati. ''Per le elezioni nazionali e regionali del 4 marzo anche il seggio elettorale per le sezioni di Campofiorenzo e Rogoredo tornerà a Grassi dopo il trasferimento temporaneo per il referendum regionale di ottobre''.


E' terminata l'analisi anche alla scuola dell'infanzia di Valaperta, per la quale è stato già redatto il progetto per la sistemazione dei sistemi di fissaggio delle tegole della copertura che è l'unico intervento richiesto non essendoci problemi strutturali. A breve il Comune avrà a disposizione anche i risultati sul plesso di Bracchi e se saranno necessari interventi saranno gestiti anche quelli dando loro priorità.


''Siamo consapevoli che aver avviato questo programma ci può far andare incontro a spese importanti e a disagi temporanei'' ha continuato Galbiati. ''È un aspetto che in Italia limita molto il percorso di adeguamento antisismico delle scuole, vista l'evoluzione delle norme e delle zonizzazione che sono più stringenti e che inevitabilmente comportano impegni di spesa notevoli per gli enti pubblici ed il rischio di dover chiudere plessi, una volta che si procede con le analisi. Ma a Casatenovo vogliamo portare a termine il nostro percorso e non ci spaventano gli eventuali costi. La priorità è la sicurezza per bambini, ragazzi, insegnanti e personale. E di fronte a questo obiettivo ogni altro problema, di bilancio e di disagi, diventa secondario. Siamo certi che anche le famiglie comprendo e comprenderanno anche per i prossimi interventi l'importanza di questo programma e con loro gestiremo gli eventuali ulteriori disagi. Questo lo dico perché non posso escludere che anche su altri plessi la chiusura temporanea potrebbe rendersi necessaria, come abbiamo dovuto fare a Grassi''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco