Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.879.550
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Venerdì 12 gennaio 2018 alle 14:33

Raggiungere Milano? Con Trenord e Maroni....un miraggio

Mattia Decio
Vi raccontiamo una breve storia ma vera: un ragazzo della nostra bella Brianza esce di casa alle 7 del mattino, vuole raggiungere Milano per le 9 dove ha trovato lavoro.
Decide di prendere il treno delle 7.30 o delle 8.00, che dovrebbero permettergli di arrivare comodamente a Milano entro le ore 9.00 in ufficio.
Arriva in stazione, sale sul treno e comincia il viaggio per Milano.
Ma sulla carrozza il riscaldamento non funziona. Allora sceglie di cambiarla, ma in quella dietro i sedili sono sporchi e il finestrino aperto non si chiude.
Ne trova un'altra. Questa va bene. Il treno supera 3 stazioni, poi si ferma. Gli altoparlanti dicono che c'è un guasto agli scambi. Il treno rimane fermo 20 minuti e arriva a Milano con 30 minuti di ritardo.
Si scende tutti di corsa, le scale affollate, nessuno vuole arrivare in ufficio in ritardo, giustamente.
Ma Trenord rimborserà o chiederà scusa ? Magari, utopia! Siamo arrivati a Milano sani e salvi no? Non vi basta questo?
La giornata di lavoro passa e il pendolare esce dall'ufficio alle 18 per raggiungere casa e famiglia. Finalmente! Ma non ha fatto i conti con Trenord...
Il treno che dovrebbe portarlo a casa è cancellato per un guasto tecnico. Fa niente ti dicono. Tanto puoi prendere quello dopo. Che ti costa arrivare a casa alle 9 ? Tanto tu che hai da fare?
Questo è quello che succede quasi TUTTI i giorni ad un pendolare che da Lecco o Bergamo vuole raggiungere Milano.
Treni sporchi, sedili rotti, bottiglie di birra e sporcizia, porte guaste, finestrini rotti , ritardi e cancellazioni all'ordine del giorno.

E Regione Lombardia che dice? MAI una presa di posizione, MAI una scusa ai poveri pendolari.
Anzi, rinnova SENZA GARA la concessione del servizio a Trenord. Ma i risultati non li vedono?

A MARONI E ALLA LEGA DEI PENDOLARI CHE LAVORANO E STUDIANO NON INTERESSA NULLA!!

Mattia Decio
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco