Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 173.370.769
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/04/18

Lecco: V.Sora: 108 µg/mc
Merate: 105 µg/mc
Valmadrera: 110 µg/mc
Colico: 101 µg/mc
Moggio: 115 µg/mc
Scritto Venerdì 12 gennaio 2018 alle 22:52

Garbagnate: il consiglio saluta l'agente Giovanni Fisichella e discute del futuro della PL

Il consiglio comunale di Garbagnate Monastero ha salutato Giovanni Fisichella, unico agente di Polizia locale in servizio per quasi tre decenni, andato in pensione a fine anno.
"Vogliamo ringraziare a nome dell'intera comunità un uomo che per 27 anni ha servito il comune come agente di polizia locale. Tutti conoscono il suo carattere spiritoso, le sue battute, il suo accento...padano" ha affermato il sindaco Sergio Ravasi consegnandogli una targa a ricordo della sua lunga attività in municipio.

Giovanni Fisichella con l’intero consiglio comunale

"Sono contento ed emozionato. Ringrazio gli amministratori che si sono succeduti per la disponibilità che hanno dato, i colleghi del Comune che hanno collaborato con me e tutta la comunità a cui resterò sempre legato. Li ringrazio per il rispetto che mi hanno sempre portato" è stato il sintetico commento, ma denso di affetto, dell'agente. Il garbagnatese Umberto Colombo gli ha dedicato un pensiero di arrivederci a rima alternata che si è concluso così: "Buono spazio al suo futuro venga a lui una strada aperta tanto gioco sul sicuro...Fisichella sempre all'erta".
A questo momento hanno preso parte, oltre a tanti cittadini e ai colleghi, Marco Manzoni, sindaco di Colle Brianza, paese con cui in questi ultimi anni era in corso una convenzione per la gestione del servizio e don Giacomo Tagliabue, in rappresentanza anche del parroco don Massimo Santambrogio.
Il Comune, intanto, deve già affrontare i problemi legati al pensionamento di Fisichella in quanto la legge non consente di assumere un sostituto.
"Abbiamo fatto partire la mobilità dal 2 gennaio: questo significa che agenti operanti in altri comuni potrebbero candidarsi previa accettazione da parte del loro sindaco. Se questa possibilità andasse male, cosa che spesso succede, ci sono due strade: o si dà inizio a un concorso pubblico o si attinge ad un concorso già avvenuto. Noi abbiamo chiesto ai Comuni di Lecco e di Mariano di poter accedere alla graduatoria dei loro concorsi" ha precisato il primo cittadino.

L'ormai ex vigile con il sindaco Sergio Ravasi

Per il momento, il vigile verrà sostituto da tre agenti che arriveranno grazie alla legge 557, la norma che consente agli impiegati pubblici a 36 ore di svolgere un massimo di 12 ore a settimana presso un altro ente. Sicuramente saranno presenti a Garbagnate il comandante Giovanni Di Maria e un altro agente in servizio a Ello, mentre il terzo vigile non è ancora stato confermato.
A fronte della domande del gruppo di minoranza Tradizione e futuro, il sindaco ha chiarito: "Fisichella era un C5, mentre noi vorremmo assumere un C1, un vigile giovane e da formare. Questo ci consentirebbe di aumentare il monte ore per l'assunzione di un amministrativo in sostituzione della funzionaria andata in pensione a settembre".
Il tema della polizia affrontato in consiglio è stato in realtà più ampio. A partire dal primo febbraio il comune di Dolzago recederà dalla convenzione in atto con i comuni di Colle Brianza e Castello (la loro collaborazione era già nata sette anni fa) e con Sirone e Garbagnate. I quattro vigili attualmente presenti dovranno per il momento garantire il controllo dei paesi convenzionati. Dolzago, secondo quanto dichiarato dal sindaco Paolo Lanfranchi, ritiene di avere un maggiore controllo del paese lavorando in autonomia.

L'agente Fisichella con i colleghi

"Noi invece crediamo che sia una buona convenzione: il servizio ha portato più vigili sul territorio, pattuglie pomeridiane e serali, anche in occasioni di eventi" è stata l'opinione di Ravasi.
Il consigliere di maggioranza Fabio Fumagalli ha espresso il proprio rammarico. "Pur rispettando la loro scelta ci dispiace, in quanto a livello di conformità del territorio Dolzago faceva da raccordo tra gli altri comuni".
Il consiglio ha accolto la decisione dei colleghi dell'amministrazione dolzaghese, votando all'unanimità la delibera.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco