Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 176.000.559
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/05/18

Lecco: V.Sora: 110 µg/mc
Merate: 110 µg/mc
Valmadrera: 102 µg/mc
Colico: 86 µg/mc
Moggio: 116 µg/mc
Scritto Domenica 11 febbraio 2018 alle 22:31

La ritualità del Carnevale

Il dottor Enrico Magni
Il rito del carnevale, che è presente in qualsiasi luogo, segue una sua liturgia ritualistica specifica (celtico, cattolico, protestante), coinvolge la trasformazione della natura col gioco del trasformismo della maschera, che recupera la dimensione inconscia dell'ambivalenza, dell'identità individuale e sociale, è diventato un grande business intergenerazionale.
Il rito del carnevale è collegato con la creazione, con le divinità che portano caos per far nascere qualcosa di differenziato dall'ordine sterile.
Il carnevale ritualizza il momento precedente alla creazione, un momento fatto di mancanza di giudizio, di libertà totale che mai umano potrà sperimentare se non limitatamente. Non sempre il carnevale è collegato a tutte le festività e ritualità connesse alla presenza di maschere.
I romani festeggiavano il nuovo anno vestendo un uomo con la pelle di una capra, lo portavano in processione mentre gli astanti lo colpivano con bacchette, lo chiamavano Mamurio Veturio.
Nella cultura babilonese il processo originale della creazione, dopo l'equinozio di primavera, veniva ritualizzato con una guerra simbolica tra il dio Marduk e il drago Tiamat.
Nella società globalizzata viceversa il carnevale è un momento puramente economico, la sua dimensione animistica è completamente censurata, collocata nell'angolo della memoria arcaica, pastorale, agricola, premoderna.
I riti sono ricorrenze strutturate che coinvolgono l'individuo, la famiglia, il gruppo, il clan, la società, mettono in risalto i costumi, le tradizioni, investono la quotidianità materiale e immateriale.
I riti sono delle forme fondative della vita dell'individuo, coinvolgono i passaggi di iniziazione dalla nascita alla morte, sottolineano l'appartenenza, l'identità, il credere religioso.
Ogni cultura è dotata, per la socializzazione all'interno di una certa concezione mitica del futuro, di una serie di rituali che ne perpetuino il mito.
I rituali sono indispensabili per garantire la sopravvivenza dei miti fondativi, della cultura di appartenenza. Sono necessari a favorire l'ingresso di nuovi movimenti culturali che condividano e accettino i miti della società. Attraverso i rituali, la maggior parte delle civiltà sono riuscite a custodire, a rigenerare i paradigmi socio-culturali di base per migliaia di anni.
La globalizzazione al contrario li pianifica, li esporta da una parte all'altra del globo, svuotandoli della loro funzione catartica e sacrale, il rito e il rituale diventano un oggetto da consumare, da godere, usare in giornata.
I riti di esportazione maggiormente gettonati nella società globalizzata - Halloween - provengono dalle società dominanti ormai secolarizzate e svuotate dal sacro. I riti come aggregatori sociali sono spogliati dal loro significato magico, animistico, religioso, folcloristico, sono diventati dei rappresentati consumistici da vendere, consumare e triturare.
Stanno scomparendo le ritualità di passaggio come i battesimi, i matrimoni, prevalgono forme più commerciali, secolarizzate che razionalizzano l'evento. Lo stesso rito di passaggio dalla vita alla morte si sta spogliando del fantasma, prevale la dimensione della razionalità opportuna, dell'esclusione, della chiusura, della privatizzazione della stessa morte, anche per i costi della stessa. Sono solo delle subculture a ritualizzare l'esorcizzazione della morte.
La perdita della ritualità nella società globalizzata non cancella il bisogno psicologico di scongiurare la paura, il nuovo, il male, la morte, l'ignoto.
I nuovi sostitutivi degli amuleti, dei santini sono le slot machine, i video giochi, i maghi, gli indovini, i guaritori: sono gli stregoni di questa società globalizzata.
Dr. Enrico Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco