Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 176.022.256
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/05/18

Lecco: V.Sora: 110 µg/mc
Merate: 110 µg/mc
Valmadrera: 102 µg/mc
Colico: 86 µg/mc
Moggio: 116 µg/mc
Scritto Lunedì 12 febbraio 2018 alle 08:49

Viganò: ravioli dolci, bancarelle e creatività gli ingredienti della festa di Sant'Apollonia

Come ogni anno è tornata l'attesissima celebrazione della ricorrenza di Sant'Apollonia, martire e patrona del comune di Viganò, in onore della quale è tradizione organizzare festeggiamenti particolari ad hoc che vedono coinvolti gran parte della comunità e delle autorità viganesi.

La vendita dei ravioli dolci in oratorio

L'evento si è svolto domenica 11 febbraio e la giornata si è aperta con due solenni celebrazioni che si sono svolte alle ore 8 con la messa in onore della santa e alle ore 10 con la liturgia officiata dal parroco don Enrico Baramani, che ha anche ricordato il 55°anniversario di ordinazione sacerdotale. Una celebrazione quest'ultima, che ha visto la partecipazione calorosa e sentita di grandi e piccoli alla presenza del sindaco Fabio Bertarini, dei rappresentanti dell'Arma dei carabinieri e della Polizia locale all'interno della Parrocchia di San Vincenzo, addobbata con immagini e figure di Sant'Apollonia, la martire dei denti.

Alcuni espositori presenti in palestra


Don Enrico ha ricordato durante l'omelia il forte impegno della Santa nella testimonianza dell'amore per Dio, un amore che non è stato rinnegato nemmeno al momento della morte perché frutto di un rapporto autentico di fede e speranza che dovrebbe essere accolto come uno dei messaggi principali di questa giornata di festa. Al termine della celebrazione l'attenzione si è spostata sul piazzale della chiesa, dove è stato dato fuoco al pallone proprio come simbolo del martirio e del sacrificio di Sant'Apollonia. Uno dei momenti più attesi dei festeggiamenti di domenica sono stati però gli immancabili ravioli dolci, leccornie tipiche di questa celebrazione e che da anni attirano i più golosi anche da paesi al di fuori dell'iter brianzolo, come riprova del loro tradizionale apprezzamento da parte di adulti e bambini. La distribuzione dei ravioli è avvenuta presso il bar dell'oratorio, dove alcuni volontari hanno assicurato un'efficientissima organizzazione che ha permesso agli acquirenti di scegliere tra varie proporzioni e prezzi, così da dare la possibilità a tutti di gustare il dolce tipico viganese.

Il gruppo giovani e le volontarie di Avis


L'atmosfera di allegria e gioia ha coinvolto inoltre gran parte dei luoghi di ritrovo principali del comune, a partire dall'allestimento di bancarelle e stand che si sono estesi su tutta Via della Vittoria e dove hobbisti, associazioni e aziende agricole hanno avuto la possibilità di esporre prodotti gastronomici tipici, oggetti e manufatti artigianali e semplici degustazioni di cibi particolari o tradizionali. Non è mancata la sempre calorosa presenza del gruppo alpini di Viganò, i quali hanno offerto come di consueto il vin brulè e che si sono resi disponibili per il pranzo della giornata a base di trippa e salsiccia organizzato all'interno della scuola primaria di via Marconi.

L'elenco dei biglietti vincenti della sottoscrizione a premi
(clicca sull'immagine per ingrandire)


Anche per i più piccoli il divertimento è stato assicurato grazie alla realizzazione di un'area giochi appositamente pensata nell'area mercato e nel parcheggio del cimitero, la "Giocapollonia", in cui sono stati installati alcuni giochi e attrezzature ludiche per intrattenere i bambini di tutte le età. La partecipazione ai giochi, tra cui il famoso lancio della torta, tiri a segno e a canestro, segna al pollo e gara di bocce, ha rappresentato un momento di intratteimento anche per le fasce d'età più giovani che si sono così viste coinvolte dai festeggiamenti generali.

Un paio di immagini della messa celebrata da don Enrico alla presenza delle autorità civili e militari


Tra le iniziative andate in scena, da segnalare quella del gruppo Lega Nord, che per la terza volta ha proposto il concorso per il miglior raviolo dolce al fine di mantenere accesa la passione per il dolce tradizionale e rinnovare la propria identità comunitaria.
Iniziativa volta interamente alla promozione della cultura e della lettura è stata invece quella organizzata con l'aiuto della biblioteca comunale, che ha permesso la vendita di libri e riviste a prezzi ridottissimi e ha proposto alcuni simpatici addobbi e segnalibri proprio per incentivare quest'attività tra i cittadini e spingere soprattutto i più giovani nel ricchissimo e vivace mondo dei libri.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


Un altro momento altrettanto centrale e importante nel corso della giornata è stato invece organizzato nella palestra comunale di via Leonardo da Vinci, presso la quale hanno preso vita alcune iniziative comunali sostenute da gran parte della comunità viganese. All'interno della struttura un'esposizione di bandiere nazionali e simboliche, frutto del contributo spontaneo di ogni singolo cittadino, ha fatto da cornice all'evento e ai festeggiamenti. Iniziative originali e stimolanti sono state quelle che, riunite sotto i nomi di "Creatività Viganese" e "Produttività Viganese", hanno visto l'esposizione di creazioni e prodotti personali dei cittadini che si sono impegnati nella realizzazione della mostra generale.

Le volontarie e operatrici della biblioteca e il gruppo Alpini


Nell'ambito artistico ha trovato spazio l'allestimento di un'intera parete della struttura con opere e quadri di alcune note personalità, tra le quali Rigamonti Chiara, Sirtori Umberto, Pennati Corrado, Panzeri Renzo, Villa Gianfranco, Casonato Antonio e Scaccabarozzi Stefano. Oltre a esposizioni di hobbistica, pittura e fotografia sono stati proposti alcuni prodotti caserecci di aziende agricole locali e anche oggetti di arredo costruiti interamente in modo artigianale. Anche il gruppo giovani del comune è stato coinvolto nell'iniziativa e ha proposto l'attività di "Book crossing", progetto a livello nazionale che prevede lo scambio di libri su tutto il territorio attraverso l'abbandono consapevole dei testi in alcune aree apposite e la presa in prestito di altri libri per favorire la circolazione di questi importanti mezzi di trasmissione della cultura e delle idee.


Rimanendo sul tema, è stato presente anche il tradizionale banco di libri usati, il quale è stato rifornito con nuovi titoli per gli appassionati e nuove sorprese per gli acquirenti. Non è mancato infine un piccolo happy hour a cura dell'Associazione Rwendo onlus di Viganò, che ha offerto un aperitivo solidale ai presenti e ha contribuito a creare un momento di particolare ritrovo per i cittadini. Nel complesso, l'evento ha attirato gran parte della comunità e dei residenti nei paesi limitrofi, testimoniando da una parte la grande fede e devozione verso la figura di Sant'Apollonia e dall'altra la voglia manifestata da tutti i partecipanti di sentirsi i fautori di una giornata di solidarietà e gioia.
Martina Besana
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco