Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.912.277
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Giovedì 15 febbraio 2018 alle 20:48

Oggiono: 'app' per la sosta, furti a scuola e borse di studio i temi dell'ultimo consiglio

Il consiglio comunale di mercoledì 14 febbraio a Oggiono si è aperto con una comunicazione del sindaco Roberto Ferrari in merito ai recenti festeggiamenti per il Carnevale, che grazie alla collaborazione tra comune, Pro Loco, volontari, forze di polizia e protezione civile, si è svolto in sicurezza e allegria, dimostrando le capacità organizzative della squadra e dando ancora una volta rilievo a una manifestazione ormai storica per la città.
Dopo l'approvazione dei verbali delle ultime sedute, col terzo punto all'ordine del giorno è stata discussa l'interrogazione presentata dal gruppo di minoranza "Insieme per Oggiono" relativa all'introduzione di un'app per pagare la sosta nei parcheggi del Comune.

La giunta comunale. Da sinistra gli assessori Giuseppina Gerosa, Lamberto Lietti, il sindaco
Roberto Ferrari, il segretario dr.ssa Maria Vignola, gli assessori Elena Ornaghi e Moreno Andreotti


Il consigliere Narciso ha chiesto se, dopo la creazione dell'app "Oggiono Smart", costata più di 1400 euro, l'amministrazione si possa ritenere svincolata dalla fornitura di sistemi di pagamento tramite bancomat o carta di credito, che sarebbero più comodi per molti o se ciò non porterebbe a eventuali ricorsi da parte degli utenti, che potrebbero trovarsi impossibilitati a pagare e quindi essere multati. Il sindaco ha assicurato che la legge ritiene assolto l'obbligo di fornire strumenti per i pagamenti elettronici con la sola app, quindi, dato che installare apparecchi per la lettura di carte non sarebbe economicamente fattibile, a causa soprattutto dei costi di commissione; a fronte di questo la possibilità di ricorsi sarebbe quindi scongiurata.
A seguire la minoranza ha illustrato l'interrogazione avente per oggetto i furti perpetrati ai danni degli istituti scolastici della città, in particolare presso le scuole primarie "Armando Diaz" e "Salvo d'Acquisto" e la scuola secondaria di primo grado "Marco d'Oggiono". "I furti hanno riguardato gli snack inseriti nei distributori automatici e otto personal computer e si sono svolti dal 30 agosto 2017 al 5 gennaio 2018. Ci chiediamo quali provvedimenti voglia mettere in atto l'amministrazione per rendere più sicure le scuole ed evitare il prosieguo di simili fatti: riteniamo infatti che si sia mossa troppo tardi, considerato che il primo furto risale all'estate scorsa" ha detto il consigliere Cesare Panzeri.
Il primo cittadino ha reso noto che l'autore dei furti presso i distributori sia stato arrestato in flagranza di reato il 13 novembre 2017 nella scuola di Valmadrera, mentre il furto di pc si è ripetuto in diversi istituti della provincia, ma a Oggiono è stato forse facilitato dalla presenza di molte pareti vetrate. "Si stanno cercando soluzioni alternative che restino comunque sostenibili; al momento abbiamo ricevuto due preventivi e siamo in attesa del terzo. Poi si farà una valutazione tecnica e verrà espletato un bando di gara" ha replicato Ferrari.

I consiglieri di maggioranza

Successivamente l'assessore al bilancio Lamberto Lietti ha spiegato in cosa è consistito il prelievo di 14.301 euro dal Fondo di Riserva ordinario e di cassa per il bilancio di esercizio 2017, adottato d'urgenza il 21 dicembre scorso: le spese principali hanno riguardato i cimiteri, i servizi sociali, i parcometri e i contributi all'associazione "Brianza Nostra". L'assessore Elena Ornaghi ha poi illustrato la proposta di un regolamento per assegnare i premi di studi agli alunni meritevoli, senza limiti reddituali. "Vorremmo proporre premi a chi conclude brillantemente un ciclo di studio, tenendo conto del voto di uscita dall'esame di terza media e della media ponderata tra l'intero percorso e la prova finale. Il regolamento prevede sei graduatorie: una per il primo ciclo, tre per le scuole superiori (indirizzo liceale, tecnico, professionale) e due per le università: una per le lauree triennali, una per le tesi che trattano aspetti riguardanti il comune di Oggiono, di difficile documentazione".
La minoranza ha avanzato due possibili emendamenti: la modifica dell'articolo 6, comma 4, che riguarda l'erogazione del premio, e la fusione dei commi 1 e 2 dell'articolo 7, secondo i quali, se le domande pervenute fossero inferiori alle somme messe in palio, si potrebbe procedere a una ridistribuzione dei premi in casi di pari merito tra allievi, dopo aver consultato assessore alla cultura e commissione. Dopo una sospensione della seduta di cinque minuti, il consiglio ha deciso di emendare solo l'articolo 7, eliminandone il comma 2.

Il gruppo di opposizione Insieme per Oggiono

Il settimo punto ha riguardato invece il tema della mensa scolastica: l'assessore Ornaghi ha illustrato la scelta di affidare in concessione il servizio tramite buoni pasto rivolgendosi, come già dal 2016, alla società SUA di Lecco per gli anni scolastici 2018-2019, 2019-2020, 2020-2021 e proponendo nel bando anche la possibilità di proroga per altri tre anni, con una spesa prevista di 540.000 euro IVA esclusa per l'acquisto dei pasti e 26.730 euro IVA inclusa per i pasti degli insegnanti, a carico del comune. La relazione è stata approvata con 10 voti favorevoli e resa immediatamente esecutiva.
Il consiglio comunale si è concluso infine con l'approvazione della modifica al DUP (documento unico di programmazione) 2018-2020 per la messa in sicurezza dell'edificio comunale.
R.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco