Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 184.680.870
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 21/09/18

Lecco: V.Sora: 134 µg/mc
Merate: 149 µg/mc
Valmadrera: 155 µg/mc
Colico: 126 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Domenica 11 marzo 2018 alle 15:25

Sirtori: a favore di Nonno Luigi spettacolo benefico all'oratorio

È andato in scena nella serata di ieri, sabato 10 marzo, lo spettacolo teatrale della compagnia amatoriale “Amici sul Palco” intitolato Prevòst per tri dè.
Gli attori hanno narrato le buffe vicende di un imbianchino che, durante le ore di lavoro, ha scoperto all’interno di un armadio una veste da prete e, affascinato dall’abito, decide di indossarlo e di vestire per un periodo i panni del prevosto paesano. Tra avventure e disavventure, il protagonista ha dovuto cambiare letteralmente tutti i suoi piani di vita.

Lo spettacolo ha riscosso un grande successo fra il pubblico, contando circa cento sedute e richiamando numerose risate tra una battuta da un lato ed una scena comica a seguire. Gli attori hanno dato prova di abilità e soprattutto di impegno. “Siamo una compagnia che opera ormai da più di dieci anni – ha commentato il regista Alessandro Viganò – e allestiamo spettacoli solo ed esclusivamente per beneficienza, come per questa sera. Siamo un bel gruppo, circa in dieci e ci occupiamo autonomamente di tutto, anche degli abiti”.

La serata infatti, è stata organizzata a sostegno dell’associazione Amici di Ndugu Zangu Onlus,  un’organizzazione libera e senza scopo di lucro sorta al fianco della Narrapu Community, comunità fondata in Kenya da Luigi Panzeri, conosciuto da tutti come Nonno Luigi.
La Narrapu iniziò la propria attività nel 1996 aiutando bambini orfani e bisognosi, garantendo loro un tetto, un’alimentazione, assistenza sanitaria e soprattutto l’istruzione, oltre a mettere in atto opere edilizie necessarie come l’acquedotto lungo 18 km che ha consentito di prelevare acqua da dighe e pozzi.

A sostenere l'attività di Nonno Luigi è il figlio Emilio Panzeri che con l’associazione aiuta attualmente circa 300 bambini: in particolare tra i tanti progetti si ricordano nel 2003 l’avvio di un ospedale di primo soccorso e nel 2012 la creazione di una scuola primaria, un servizio per il ciclo di studi della scuola secondaria e il rilascio di borse di studio per l’università.
Di recente tornato in Italia, Panzeri è pronto a riprendere l’attività di sostegno anche a distanza.

“L’obiettivo dell’associazione è naturalmente aiutare i bambini, le famiglie locali e continuare a mantenere il lavoro che abbiamo dato a circa 30 persone. Cerchiamo di sostenere il più possibile quella che era una comunità quasi completamente isolata perché situata al centro della savana, a 85 km dalla città più vicina. Con la creazione delle scuole e soprattutto dell’ospedale, ora è diventata un punto di riferimento. Loro – ha infine aggiunto riferendosi alla popolazione locale – sono attaccatissimi al progetto e noi…anche!”

La serata si è conclusa con grandi applausi e l’acquisto di prodotti artigianali direttamente dall’Africa come collane realizzate con pazienza e dedizione dalle donne e statuette lavorate in legno.
A.Ba.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco