Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 184.680.829
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 21/09/18

Lecco: V.Sora: 134 µg/mc
Merate: 149 µg/mc
Valmadrera: 155 µg/mc
Colico: 126 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Domenica 11 marzo 2018 alle 20:30

Garbagnate: donne in cammino con lancio di palloncini rossi

Si è tenuta nel primo pomeriggio di domenica 11 marzo la quarta edizione di "Donne in cammino", la manifestazione non podistica promossa dal gruppo alpini di Garbagnate Monastero e Brongio e dall'amministrazione comunale.
L'evento, a causa del maltempo, si è svolto in forma ridotta e ha visto la partecipazione di un gruppetto di donne che non si è fatto intimorire dal maltempo.


Alle 14 era previsto il ritrovo in palestra e, prima della partenza, il sindaco Sergio Ravasi ha rivolto un pensiero alle partecipanti. "Abbiamo voluto dedicata questa camminata alla lotta contro la violenza sulle donne che ha raggiunto una dimensione importante. Solo da inizio anno, 114 donne hanno perso la vita, due delle quali sono state assassinate insieme al figlio che portavano in grembo. Ad ucciderle, nella gran parte dei casi, sono mariti, compagne o ex fidanzati. Gli assassini e le vittime sono per la gran parte di nazionalità italiana e la Lombardia è la regione in cui si registra il maggior numero di femminicidi. Da una piccola ricerca ho appreso che nessun animale uccide la propria femmina, l'uomo sì".


Le donne, precedute dalle penne nere che sostenevano il tricolore, hanno poi raggiunto compatte piazza Butti, dove si trova una panchina rossa in memoria delle vittime di femminicidio, inaugurata il 25 Novembre scorso in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne istituita dall'Onu. La panchina reca una targa con una frase di Kofi Annan, già segretario generale dell'Onu e premio Nobel per la pace nel 2001: "La violenza contro le donne è una delle più vergognose violazioni dei diritti umani".

 
A partire da questo spunto, la consigliera Ester Mapelli ha affermato: "In una società avanzata, civile e apparentemente moderna, ogni giorno sui giornali o in televisione sentiamo storie di donne uccise o maltrattate in ogni modo. Il tema della violenza va affrontato con particolare cura e soprattutto è necessario sensibilizzare le persone su questo argomento, a partire dai più giovani. Bisogna educarli al rispetto delle relazioni tra uomo e donna con la prevenzione nelle scuole e sperare in un futuro dove non ci siano più storie terribili di abusi e femminicidi".
E' seguito poi il lancio dei palloncini rossi in cielo, un modo per portare in alto il grido delle donne che dicono no alla violenza. "Riprendiamo la passeggiata con gioia, fiere di essere donne e di continuare a farci valere in questa nostra società" è stato l'incoraggiamento della consigliera.


Il gruppo ha raggiunto piazza Fumagalli prima di rientrare in palestra dove la festa è proseguita con un rinfresco e con la consegna di un dono floreale.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco