Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 186.134.057
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 13/10/18

Lecco: V.Sora: 83 µg/mc
Merate: 83 µg/mc
Valmadrera: 83 µg/mc
Colico: 74 µg/mc
Moggio: 82 µg/mc
Scritto Giovedì 12 aprile 2018 alle 19:30

Nelle foto inviate da un lettore il torrente Bevera a Nibionno si tinge di rosso

Questo pomeriggio il torrente Bevera a Nibionno si è tinto di un inquietante colore rosso.

Le immagini del torrente Bevera a Gaggio

Come mostrano in maniera inequivocabile le fotografie che ci sono state inviate da un lettore, l'affluente del Lambro - più o meno all'altezza del campo di calcio, in località Gaggio - ha iniziato a tingersi di rosso. Immediata la segnalazione al Comune da parte di alcuni cittadini che hanno assistito in diretta alla scena, con l'assessore all'ambiente Roberto Gemetto che si è subito portato sul posto. ''Ho provveduto ad avvisare il responsabile del depuratore, intervenuto successivamente per un sopralluogo e ad inviare le immagini al nostro ufficio tecnico. Al momento l'unica cosa certa è che si tratta di uno scarico fognario, ma non se ne conosce ancora l'origine'' ci ha detto l'amministratore nibionnese.


Un episodio grave, che dovrà essere meglio chiarito, anche per capire la natura della sostanza confluita nel torrente Bevera, che potrebbe averne messo parzialmente a repentaglio l'habitat. I campionamenti consentiranno di fornire qualche risposta ai tanti interrogativi attuali.
Un fatto analogo si era verificato poche settimane fa soltanto a Santa Maria Hoè, ai danni del torrente Molgora.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco