Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.886.703
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Venerdì 13 aprile 2018 alle 19:02

Casatese-Oggionese: un'indagine relativa alla presenza su web e 'social' dei Comuni

Immagine di repertorio
Sito internet per tutti, social network solo per alcuni: è questo lo stato dell'arte nei comuni di casatese e oggionese per quanto riguarda la presenza sul web degli enti pubblici. A fronte di più di metà della popolazione italiana connessa ai social network, in particolare Facebook, per chattare, per condividere contenuti o per cercare informazioni, da alcuni anni è diventato sempre più frequente vedere comparire i profili istituzionali degli enti locali. Se la presenza sul web è normata da leggi approvate dal parlamento (legge 7 agosto 2015), più incerta è la situazione per quanto riguarda i social network: mancano delle linee guide condivise a livello nazionale e ci si affida all'impegno e alla buona volontà, e alle risorse, delle singole amministrazioni. Le indagini dicono che in questo campo le dimensioni contano parecchio visto che le meglio attrezzate sui social network sono le grandi città mentre i comuni più piccoli, alle prese spesso con un organico limitato, hanno più difficoltà a tenere il passo. Il monitoraggio sulla presenza web dei comuni del Casatese conferma questa tendenza anche a livello locale con una serie di particolarità. Meno della metà dei comuni, dieci su venticinque, dispongono di un profilo ufficiale su Facebook, a cui si accompagna quello su Twitter in alcuni casi: si tratta di Oggiono, Missaglia, Dolzago, Sirtori, Castello di Brianza, Annone Brianza, Nibionno, Barzanò, Cassago Brianza, Barzago. Un caso particolare è rappresentato dal comune di Casatenovo che, pur essendo il più popoloso della zona, non dispone per ora di una pagina ufficiale ma fa riferimento solo a quella dell'Assessorato alla Cultura, Sport e Associazioni, pubblicizzando e diffondendo le iniziative culturali e non svolte o da svolgersi sul territorio comunale. E' questa la funzione primaria che i profili Facebook degli enti locali della zona sembrano assolvere, facendo circolare eventi e informazioni già pubblicato sul sito internet ufficiale. Un collegamento diretto tra profilo Facebook/Twitter e pagina web ufficiale è presente sui siti ufficiali di Oggiono, Annone Brianza, Barzago, Cassago Brianza, Sirtori. In generale sembrano essere due i motivi per cui le amministrazioni sul territorio decidono di sbarcare sui social: da una parte per scopi informativi, diffondendo le iniziative previste sul territorio e creando "eventi" per far conoscere le stesse, e dall'altra per condividere contenuti visivi e resoconti di quanto successo sul territorio comunale.
A prevalere è la comunicazione a senso unico tra chi gestisce la pagina comunale e i cittadini mentre quasi a zero sono le interazioni tra i due attori e tra gli utenti stessi. "E' uno strumento divulgativo e non di dibattito o peggio di polemica" aveva scritto il sindaco di Oggiono, Roberto Ferrari, riassumendo nel commento a un altro utente la filosofia che sembra ispirare l'utilizzo dei social network da parte degli enti locali della zona. Dello stesso tono anche la risposta della pagina Facebook del Comune di Casatenovo- Cultura, Sport & Associazioni che aveva condensato lo scopo della pagina nella "pubblicazione di notizie inerenti eventi e iniziative di carattere culturale e sportivo organizzate dall'Assessorato o dalle Associazioni di Casatenovo", oltre che di "convocazioni del Consiglio comunale e gli avvisi importanti come ad esempio la chiusura di strade". Spicca il caso del comune di Barzago: nel febbraio 2017 la giunta ha approvato una social media policy in cui sono esplicitate le finalità, i contenuti, le regole di utilizzo e le risposte a quesiti e messaggi. "Tutti i quesiti e messaggi vengono letti dagli amministratori" hanno scritto. "Quando richiesto viene sempre fornita risposta nel più breve tempo possibile e comunque tenendo conto delle esigenze di istruttoria o reperimento di informazioni. nel caso in cui i canali social non siano lo strumento adeguato per soddisfare la richiesta gli operatori del Comune provvederanno ad informare l'utente sulle corrette modalità e/o uffici cui rivolgersi".
In altri casi i comuni sono presenti sui social solo grazie a collaborazioni tematiche con altre amministrazioni vicine: è il caso dela pagina Pensiero Comune in cui sono condivise e pubblicizzate le iniziative culturali messe in campo dalle amministrazioni di Annone Brianza, Castello Brianza, Colle Brianza, Dolzago, Ello, Oggiono, Molteno e Rogeno. In alcuni casi, come a Rogeno e Cesana Brianza invece, non esistono pagine Facebook ufficiali e la funzione di diffondere le iniziative avvenute o da pubblicizzare sul territorio comunale è assolta dalle pagine delle liste create in occasione dell'appuntamento elettorale. Infine, è da segnalare il caso del comune di Colle Brianza che pubblicizza sul proprio sito web un profilo Facebook non ufficiale "Colle Brianza e News", ormai andata in disuso e non aggiornata da quasi due anni.
Articoli correlati:
07.04.2018 - Le parrocchie del Casatese potenziano la loro presenza sul web, con siti internet, profili social e preghiere in diretta live
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco