Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 186.455.790
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 13/10/18

Lecco: V.Sora: 83 µg/mc
Merate: 83 µg/mc
Valmadrera: 83 µg/mc
Colico: 74 µg/mc
Moggio: 82 µg/mc
Scritto Domenica 13 maggio 2018 alle 18:50

Casatenovo: i Maltrensema tornano sul palco con una brillante commedia in dialetto

Venerdì 11 maggio all'Auditorium di Casatenovo è andato in scena uno spettacolo a cura della compagnia teatrale ''I Maltrensema''. Molti gli spettatori intervenuti presso il cineteatro parrocchiale per assistere alla commedia dialettale in due atti dal titolo ''Fagioli in giallo'' preparata da Luisa Sala e Corinna Mapelli.

I Maltrainsema prima di salire sul palco dell'Auditorium

"La nostra compagnia - ci ha riferito la regista Mapelli - è nata circa vent'anni fa dall'iniziativa di alcuni volontari della Croce Rossa. Da sei anni è tornata in auge, rinnovata e con tanta voglia di stupire il suo pubblico grazie a nuovi e travolgenti spettacoli come quello che andrà in scena stasera. La commedia è nata infatti da un testo giallo che ho arrangiato per far divertire coloro che assistono al nostro spettacolo e anche per far rivivere ancora la lingua dialettale di questa zona".


A inizio serata è intervenuto Federico Pennati, vera e propria anima nonchè presidente dell'associazione "La Colombina" di Casatenovo. ''Questo spettacolo è molto importante per far rivivere il nostro caro vecchio dialetto che sta man mano scomparendo. Oggi quivogliamo celebrarlo e con i ricavi di questa iniziativa sosterremo le attività degli ospiti della comunità La Mia Casa'' ha detto il volontario casatese.
In una sfarzosa Villa brianzola un importante impresario agricolo muore soffocato dai frutti del suo stesso lavoro: i fagioli. Dopo questo avvenimento, interviene la polizia per fare i rilievi del caso, nella persona dell'ispettore (impersonato da Salvatore Pagano) che per approfondire le indagini prevede di far arrivare tutti gli eredi che si sarebbero radunati di lì a qualche giorno presso la Villa del re dei fagioli.


Presso la maison brianzola lavorano Antoniette come cameriera (Isabella Colombo), Teresina la cuoca (Corinna Mapelli) e Rodolfo, il maggiordomo (Andrea Agorni); nel corso dello spettacolo la casa si anima ed arrivano man mano nuovi personaggi che in un modo o nell'altro hanno avuto a che fare con il magnate dei fagioli: Lina e Gina Passoni, ex soubrette di successo ed ex amanti del de cuius (Luigia Sala e Adriana Oggionni); Gervaso di Stottocorno, Conte di Taleggio e Moio de Calvi e la sua fidanzata Brigida Fontana (Giovanni Mapelli e Sandra Tasca); Lorella Bonacina, ex moglie del defunto (Anna Giudici); il cavalier Tagliabue, socio in affari del re dei fagioli (Carlo Tentori).
Per aiutare nelle indagini l'ispettore, gli viene proposto di rivolgersi ad una medium, Madame Genevieve (Pinuccia Rigamonti), ma nonostante questo tentativo nel chiedere aiuto al mondo ultraterreno, le indagini portano alla conclusione che sia stato solo un incidente.


All'arrivo del notaio, la dottoressa Passalacqua (Maria Grazia Zerbi) si scopre che oltre a tutti coloro che si erano recati già alla Villa, mancava un ultimo erede che nessuno conosce.
Luigino (Alessandro Casiraghi) è l'erede misterioso che appare solo verso la fine dello spettacolo e che, con l'apertura del testamento, si scopre essere il figlio illegittimo ed unico erede della grande fortuna del re dei fagioli.


Questa allegra commedia ha molto divertito gli spettatori anche per le grandi abilità dimostrata dagli attori che, nonostante alcuni problemi tecnici, sono stati in grado di portare avanti lo spettacolo e di dimostrare a tutti le loro abilità di intrattenitori e, soprattutto, di cultori del dialetto brianzolo.
G.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco