Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.934.995
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Mercoledì 20 giugno 2018 alle 19:12

Sirone: spettacolo degli allievi della scuola oggionese Stendhart

Sabato sera la scuola di danza e recitazione Stendhart di Oggiono ha messo in mostra i propri talenti con tre brevi spettacoli al teatro San Carlo di Sirone. Il maestro Nicola Bizzarri, ideatore e autore delle sceneggiature, ha introdotto la serata, spiegando le scelte alla base dei tre show.



"Abbiamo tratto spunto dalla Metamorfosi kafkiana per raccontare il grottesco, mentre con "Incroci-era" ci siamo avvicinati alla commedia degli equivoci. Infine, ispirandoci al furto della Gioconda, abbiamo fatto un salto nel 2019, anniversario della morte di Da Vinci, per mostrare in chiave comica una storia realmente accaduta". Durante l'intervallo è intervenuto anche Mattia Conti, giovane autore di Molteno che ha presentato brevemente il suo romanzo "Di sangue e di ghiaccio", ambientato nel nostro territorio. Il regista ha collaborato in passato con Stendhard, realizzando il cortometraggio "Te la do me la Merica": ciò testimonia le sinergie vincenti che il territorio riesce a innescare, spingendo anche molti giovani a esprimere il proprio talento per renderlo un luogo ancora più attraente e coinvolgente.


Il prossimo appuntamento con Stendhart, infatti, è per il 26 agosto, giornata in cui si celebra il bicentenario del viaggio in Brianza di Stendhal: lo spettacolo, organizzato con la collaborazione di altre associazioni e realtà oggionesi, ricorderà il soggiorno dello scrittore francese a Oggiono, sul lago che tanto amava e che decantò nel suo diario di viaggio.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco