Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.421.929
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Venerdì 22 giugno 2018 alle 19:00

Casatenovo: inserita a bilancio per il 2019/21 la spesa per la nuova scuola media. 6 milioni di €, sperando nel mutuo BEI

Passaggio importante giovedì sera in consiglio comunale a Casatenovo nell'ambito dell'iter progettuale per la nuova scuola media prevista in località Crotta. L'assise è stata infatti chiamata a dare il via libera ad una variazione per inserire a bilancio - come ha precisato l'assessore alla partita Dario Brambilla - la previsione di spesa per i lavori, decisamente importanti dal punto di vista economico. Per il nuovo edificio scolastico lo stanziamento di risorse necessario ammonta a 6.160.000 euro per il primo lotto, che l'amministrazione comunale spera di ''coprire'' per gran parte dell'ammontare - vale a dire 4.900.000 euro - attraverso un mutuo BEI (Banca Europea per gli Investimenti).

Da sinistra gli assessori Guido Pirovano, Marta Comi, il sindaco Filippo Galbiati e il segretario Giuseppe Mendicino

A questo proposito già nel mese di luglio sarà inoltrata un'apposita richiesta per candidare il progetto, nella speranza di aggiudicarsi le risorse messe a disposizione a fondo perduto.
''Per la restante parte della spesa la nostra intenzione è quella di ricorrere ad un classico mutuo tramite la cassa depositi e prestiti, spalmato su più annualità'' ha precisato l'assessore alle finanze, aggiungendo che l'investimento è stato messo a bilancio per le annualità 2019, 2020 e 2021. A questo proposito è stata comunicata in consiglio l'intenzione di stralciare i fondi già messi a bilancio nel piano triennale delle opere pubbliche per finanziare nuovi marciapiedi (150mila euro nel 2019 e altrettanti nel 2020, oltre a 200mila euro per i lavori di consolidamento antisismico nelle scuole). Brambilla ha tuttavia spiegato l'intenzione di riposizionarli nel capitolato qualora la richiesta di fondi per la nuova scuola dovesse essere interamente coperta tramite la concessione dei mutui richiesti.

A sinistra i consiglieri di minoranza

E' stato invece il collega di giunta Guido Pirovano a fornire a maggioranza e opposizione i dettagli tecnici, con l'iter che al momento - dopo l'iniziale studio di fattibilità ed il preliminare - è fermo al progetto definitivo, in attesa di tutte le autorizzazioni del caso per passare poi a quello esecutivo. ''Abbiamo ritenuto utile dividere i lavori in tre lotti funzionali: il primo prevede la costruzione dell'intero edificio ed è il più importante'' ha spiegato l'assessore ai lavori pubblici. ''Il secondo riguarda il completamento e il terzo la realizzazione della palestra. Entro metà luglio dobbiamo inviare la domanda di finanziamento in Regione, poi sarà il Ministero a stilare una graduatoria sulla base dei progetti pervenuti. La risposta sull'aggiudicazione o meno del mutuo contiamo di averla per la fine di agosto''.

Gli assessori Guido Pirovano e Dario Brambilla

Tornando ai dettagli progettuali, Pirovano ha spiegato che è stato mantenuto l'impianto iniziale proposto dall'architetto Arrigoni che aveva vinto il concorso di idee, inserendo una serie di modifiche che hanno tenuto conto dei suggerimenti forniti anche dal mondo scolastico che dovrà poi fruire in prima persona dei nuovi spazi. ''Abbiamo cercato di bilanciare alla questione economica, l'uso di materiali ecosostenibili a livello ambientale. Oltre alle aule, più grandi rispetto agli standard, prevediamo un'aula magna e dei laboratori che potranno essere utilizzati anche nel dopo scuola, e poi la mensa e la palestra'' ha concluso l'assessore ai lavori pubblici, mentre la consigliera del Movimento Cinque Stelle Loana Trevisol ha chiesto quali saranno le alternative di finanziamento qualora non il Comune non dovesse aggiudicarsi il mutuo BEI. ''Tenteremo di ottenere gli spazi finanziari, come abbiamo fatto in questi anni per gli altri interventi di edilizia scolastica, ma in quel caso l'intero impegno economico ricadrebbe totalmente sulle spalle del nostro ente, con riflessi importanti sul bilancio, quindi bisognerà valutare con molta attenzione questa ipotesi'' ha risposto Brambilla.
Critica al termine della discussione, la consigliera pentastellata, secondo la quale la maggioranza si sarebbe mossa in ritardo sulla questione. ''Siamo all'ultimo treno, possibile che prima non eravamo pronti? C'erano altre possibilità'' ha sostenuto la Trevisol, mentre la collega di Più Casatenovo Rosanna Rampin ha parlato di un impegno economico ''molto in là nel tempo'' e di ''cifre non ancora concrete'' riferendosi a quanto previsto in bilancio.

La maggioranza

A chiudere il dibattito, le parole del sindaco Filippo Galbiati, che nel dissentire dall'opinione della collega ha dichiarato: ''quello di questa sera è a mio avviso un passaggio importante per il nostro Comune e noi pensiamo di arrivarci con tutti i requisiti, perchè di quella scuola abbiamo bisogno e Casatenovo in futuro riuscirà comunque a farla. Serviva però questo percorso, che è stato faticoso, ma necessario. I tre lotti previsti sono commisurati alle possibilità di finanziamento'' ha concluso il primo cittadino, auspicando che dagli enti superiori arrivi il via libera per la concessione dell'atteso mutuo. Spazio infine alla votazione: delibera approvata all'unanimità dei consiglieri di maggioranza presenti, mentre si è astenuta l'opposizione M5S così come Più Casatenovo.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco