Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 179.913.931
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 09/07/18

Lecco: V.Sora: 165 µg/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 179 µg/mc
Colico: 170 µg/mc
Moggio: 161 µg/mc
Scritto Giovedì 28 giugno 2018 alle 15:53

Missaglia: il CAI scala il Monte Cevedale fino a quota 3769m

Domenica 25 giugno un numeroso gruppo del CAI Missaglia si è cimentato con un'escursione alpinistica al Monte Cevedale .
Obiettivo dei 25 protagonisti è stato la salita alla a questa famosa vetta delle Alpi Retiche alta 3769 m.

Base di partenza per l'ascensione è stata il Rifugio Casati, ideale punto di appoggio ad una altezza di 3269 m. a sua volta raggiunto il giorno precedente partendo a piedi dal Rifugio dei Forni a quota 2100. Dopo una notte cercando di riposare, con scarso successo, alle 5.30 del mattino le 7 cordate si sono mosse dal rifugio. Il tempo è discreto, abbastanza coperto ma senza minaccia di precipitazioni e con buona visibilità.

Il percorso non presenta alte difficoltà tecniche. Tuttavia la traccia è tutta su ghiacciaio e necessita di abbigliamento e sicurezze necessarie per una escursione sicura. Si scende per alcuni metri fino al ghiacciaio, poi si sale senza grossi problemi (chiaramente  in corda!) verso SSE per i dolci pendii della Vedretta del Cevedale sempre in direzione della forcella fra il Monte e la Cima Cevedale.

Alle nostre spalle il bellissimo diedro del Gran Zebrù, sulle cui nevi sicuramente altri alpinisti si stanno cimentando. Il sole sbuca dalle nuvole dopo circa mezz'ora aumentando, ache se solo per pochi minuti, la bellezza del panorama completamente imbiancato. Ai piedi del pendio che poi si fa più ripido ci teniamo leggermente sulla destra (sud) e dopo una salita abbastanza ripida, raggiungiamo la cresta di neve e ghiaccio e per questa proseguiamo verso destra (ovest) senza problemi fino alla vetta.

Purtroppo la nebbia ci impedisce di godere del bellissimo panorama che solitamente appaga gli scalatori. In cima si troviamo, una croce in legno recentemente posta e i resti di una baracca della I Guerra Mondiale a testimonianza di folli anni di combattimenti. Altre cordate stanno arrivando, quindi dopo pochi minuti ci avviamo per il ritorno per la stessa via, naturalmente soddisfatti per la meta raggiunta e consapevoli che per parecchi giorni porteremo con noi le emozioni di questo giorno.
Luigi Brambilla - CAI Missaglia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco