Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 186.167.240
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 13/10/18

Lecco: V.Sora: 83 µg/mc
Merate: 83 µg/mc
Valmadrera: 83 µg/mc
Colico: 74 µg/mc
Moggio: 82 µg/mc
Scritto Mercoledì 18 luglio 2018 alle 18:58

Campofiorenzo: mistero su 3 gatti trovati senza vita e su un cane morto avvelenato

E' mistero a Campofiorenzo per la misteriosa scomparsa di alcuni gattini appena nati che si trovavano nei pressi della Corte Grande, non lontano dalla chiesina dedicata a San Mauro. Secondo quanto avrebbero riferito alcuni residenti ai volontari Enpa, tre micini sarebbero stati rinvenuti privi di vita e addirittura sporchi di olio, come se qualcuno avesse voluto deliberatamente ucciderli. ''Qualche tempo fa siamo stati contattati per procedere alla sterilizzazione di alcuni gatti randagi che si aggirano in quella zona. Lo scopo di queste operazioni è quello di controllare e prevenire l'eccessivo proliferare della popolazione felina'' ci ha spiegato una volontaria Enpa. ''Proprio in questo periodo un ragazzo del posto ci ha segnalato la presenza di quattro gattini, ancora con gli occhi chiusi, che si trovavano nei pressi di un edificio di sua proprietà: abbiamo pensato che probabilmente era stata la mamma a metterli in quel punto, perchè si tratta di un luogo appartato e tranquillo. Questa persona ogni sera andava a controllarli e lo stesso facevamo anche noi volontari, ma lunedì sera i tre micini non c'erano più. Successivamente ci è stato riferito da un abitante della corte che sono stati rinvenuti morti, ma ad oggi non si sa ancora dove siano stati gettati i tre corpicini. Ovviamente sono state avvisate le autorità competenti per decidere come procedere''.
Un fatto inquietante e molto grave che ha turbato non solo i volontari dell'associazione, ma anche alcuni dei residenti che avevano a cuore le sorti dei cuccioli. E non si tratta dell'unico episodio avvenuto di recente nella frazione casatese con protagonisti - in negativo - gli animali. Una decina di giorni fa si è infatti registrata la morte di un cane che viveva insieme ai suoi padroni in Via Sant'Eurosia, una traversa di Via De Gasperi, la strada provinciale 51. Il meticcio, di taglia medio piccola, è spirato all'improvviso e, come ci hanno confermato i proprietari, se inizialmente si era ipotizzato che potesse essere stato colpito da leptospirosi, il veterinario ha dedotto che la causa sia piuttosto riconducibile ad un avvelenamento. Anche in questo caso molti sono gli interrogativi che aleggiano intorno alla vicenda: come hanno confermato gli stessi padroni, il cane non dava fastidio a nessuno essendo di indole tranquilla. Risulta quindi difficile pensare ad un atto volontario da parte di ignoti. Quanto accaduto resta al momento senza un perchè; non è nemmeno escluso che l'animale possa aver ingerito per sbaglio qualche sostanza nociva rinvenuta non si sa dove.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco