Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.503.547
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Mercoledì 10 marzo 2010 alle 17:13

Bosisio P: il caso motocross sul tavolo del Prefetto e da Roma è giunto il presidente della Federazione




gaiardoni_walter.jpgWalter Gaiardoni


 Probabilmente si ridiscuterà  tra circa un mese del futuro del campo di motocross del Bordone e della sua eventuale riapertura. Come si ricorderà  infatti il circuito è chiuso da oltre un anno perchà© ritenuto non a norma. Risale inoltre a fine gennaio scorso la relazione della Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di pubblico spettacolo che ha evidenziato le numerose criticità  del crossodromo sotto i profili acustico, elettrico, statico, igienico-sanitario, di ordine e sicurezza pubblica e antincendio.
Una situazione che non ha mancato di suscitare polemiche, la raccolta di circa 8mila firme da parte del Moto Club Parini nonchà© l'intervento di alcune figure di spicco del motociclismo che hanno espresso la loro solidarietà  data la storia ormai trentennale della pista del Bordone. In particolare il presidente Walter Gaiardoni aveva sottolineato la progressiva insostenibilità  dei costi di gestione del crossodromo, in mancanza dell'unica fonte di sostentamento, la possibilità  di organizzare gare: "Quella del Moto Club di Parini è una realtà  importante, che riunisce 250 soci e negli anni ha ospitato 300 piloti e 23 nazioni mettendo in moto per ogni gara un giro economico di circa 50-80 mila euro. Sono molte le ditte che gravitano attorno all'indotto del motocross e questo stop forzato per noi non è più sostenibile".
Disponibilità  era stata espressa dal sindaco di Bosisio Giuseppe Borgonovo che però si era dimostrato fermo in merito alla necessità  del rispetto delle regole per poter parlare di riapertura dell'impianto.
Su sollecitazione del Moto Club Parini, ieri mattina si è tenuto un incontro con il prefetto di Lecco Nicola Prete, a cui hanno partecipato anche il presidente della Federazione Motociclistica Italiana Paolo Sesti, giunto appositamente da Roma, nonchà© l'assessore provinciale allo sport Antonio Rossi.



prete_rossi.jpg



Il prefetto Nicola Prete e l'assessore provinciale Antonio Rossi


 



 "Abbiamo fatto un'ora e mezza di colloquio e pare che abbiano recepito la difficoltà  della nostra situazione" ha spiegato il presidente Gaiardoni "nella precedente relazione la commissione ci richiedeva ad esempio la realizzazione degli spogliatoi, ma questi, come ha spiegato il presidente Sesti, non sono previsti per un campo di motocross. La Prefettura ci ha comunicato che attenderà  da Roma una relazione che attesti che alcuni interventi non sono richiesti mentre i lavori più impellenti, vale a dire l'impianto anti incendio e il controllo della staticità  delle strutture, devono essere fatti. Speriamo di ultimarli entro trenta giorni, di modo che tra circa un mese e mezzo possa riunirsi una nuova commissione per verificare la situazione".
Più problematica invece potrebbe risultare la questione relativa ai due condoni presentati dal Moto Club al comune di Molteno e non ancora approvati: "Per questi condoni potrebbe volerci almeno un anno e per noi aspettare tutto questo tempo sarebbe problematico. Tuttavia la Prefettura ha dimostrato la propria disponibilità . La nostra speranza è dunque, una volta sistemati gli interventi non derogabili cioè anti incendio e staticità , quella di una riapertura delle gare con un cronoprogramma, di modo che entro l'anno possiamo ultimare i lavori restanti riavviando però nel frattempo il circuito delle gare".


Articoli correlati:
06.03.2010 - Bosisio: campo di motocross del Bordone. Dopo le 8mila firme, il Sindaco spiega perchà© è chiuso
M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco