Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 190.239.729
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/12/18

Lecco: V.Sora: 70 µg/mc
Merate: 70 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 65 µg/mc
Moggio: 71 µg/mc
Scritto Lunedì 06 agosto 2018 alle 18:57

Casatenovo: alla fiera di San Gaetano le società sportive presentano la loro attività

Sono state le associazioni sportive del territorio casatese le protagoniste del convegno "Lo sport oggi come aggregazione e benessere sociale anche nel nostro territorio", organizzato nell'ambito della Fiera Zootecnica di San Gaetano.
"Grazie alla Fiera, che ogni anno ci da l'opportunità di riflettere su argomenti importanti". È stato Giovanni Cogliati della Cooperativa Il Trifoglio, il sodalizio che organizza la Fiera, a dare il benvenuto al pubblico e ai rappresentati delle società radunati sabato presso il padiglione convegni dell'area Fiera.



Da sinistra Angelo Perego, Giovanni Cogliati, Gianni Sassella, Angelo Sironi, Giancarlo Paleari, Ennio Decio, don Andrea Perego

Presente anche il presidente della Cooperativa, Angelo Sironi. "Chiediamo a tutti i rappresentanti delle società di farci conoscere le loro attività, per poi cercare di capire quali sono gli obiettivi dell'attività sportiva. È anche occasione per interfacciarsi, aggregarsi, trovare un associazionismo che è molto sviluppato nel nostro paese" ha concluso, prima di dare la parola ai relatori.



Giovanni Cogliati



Angelo Perego - ASD Casatesport

Tra questi, don Andrea Perego, presidente del GSO San Giorgio, neonata società sportiva della comunità pastorale casatese, che ha citato le parole di papa Francesco nel primo documento ufficiale dedicato allo sport "Dare il meglio di sé". "Lo sport ha la capacità di far tirare fuori alle persone, in qualunque stagione della vita, il meglio di sé. Ha la capacità di mettere al centro la persona, di guardare al benessere, alla salute fisica e psichica. Lavorando coi giovani, noto che è un bisogno dei ragazzi di oggi: avere una possibilità sana, che guarda al benessere e che va sempre a braccetto con un aspetto sociale di popolo. Sul nostro territorio la bellezza dello sport si vede nella capacità aggregativa di tante persone" ha ricordato, presentando poi brevemente il GSO San Giorgio, nato in collaborazione con il progetto Io Tifo Positivo di don Gino Rigoldi, due educatori professionali e l'assessorato allo sport. "Credo che lo sport possa far uscire diverse problematiche con le possibili soluzioni. Il bello di questa esperienza che sto condividendo con tante persone appassionate è l'incontro, la condivisione dei momenti di gioia e di quelli più difficili. Se ai nostri ragazzi facciamo passare attraverso lo sport questi valori, il nostro territorio credo possa dare tanto" ha concluso.



Marcello Paleari - US Cassina de' Bracchi

A prendere la parola è stato poi il presidente dell'ASD Casatesport, Angelo Perego. La società sportiva nata venticinque anni fa offre diverse attività, tra cui volley, basket, danza moderna e hip hop, ginnastica artistica, kung fu, dedicate a grandi e piccoli. "La Casatesport si pone l'obiettivo di far fare sport a tutti, dai piccoli agli adulti, senza nessuna discriminazione. Abbiamo una serie di attività, ma quello che accumuna tutto è la mentalità: quello che tentiamo di far passare come direttivo ad istruttori e allenatori è che l'occasione di aggregazione deve essere un momento in cui tutti, nel confronto con altre persone, trovano un accrescimento. Lo sport è metafora della vita" ha spiegato. "L'aggregazione sociale per noi è molto importante. Lo sport serve dal punto di vista fisico, ma insegna anche mentalmente e socialmente a stare in un gruppo e nel mondo e questa è una cosa che nella vita torna sempre utile" ha concluso, mostrando anche un piccolo video riassuntivo con le attività dell'ultima stagione sportiva.



Ennio Decio - Bike Action Team Galgiana



Gianni Sassella - ASD Casaterogoredo

Marcello Paleari ha invece delineato la storia dell'US Cassina de' Bracchi - guidata dal presidente Gian Carlo Paleari - partendo dalla sua fondazione, nel 1976. "É un'associazione che si occupa di ciclismo per i più piccoli, dai 6 ai 14 anni. Al pari di altre associazioni qui, è di fatto l'esempio di come lo sport crei aggregazione e sia un collante anche a livello sociale" ha spiegato. "Abbiamo una trentina di bambini. E l'aggregazione, il collante, la passione, come si esplica nell'attività quotidiana? Nella partecipazione alle gare del calendario federale, negli allenamenti settimanali e anche nell'organizzazione delle gare" ha aggiunto illustrando la gara organizzata la scorsa settimana su strada e dedicata a 150 bambini. "Aggregazione significa avere papà, direttori sportivi, volontari e amici che scendono in strada ad aiutarci per permettere a tanti bambini di divertirsi e fare uno sport che aiuti a crescere, imparare cosa significa stare in gruppo, il sacrificio e anche la fatica di tutto quello che comporta questa attività". Dopo un video con alcune foto, Paleari ha poi concluso facendo cenno alla collaborazione tra le diverse associazioni. "L'aggregazione che deriva dallo sport è anche il collante che può esserci tra le diverse associazioni, non necessariamente dello sport. I valori positivi e le attività dello sport si riverberano anche sul territorio, con altre associazioni e con il tessuto sociale".



In prima fila il presidente del Trifoglio Angelo Sironi

A presentare le attività del Bike Action Team Galgiana, nato negli anni '90 e formato da una quarantina di soci, è stato invece il presidente Ennio Decio. "Mountain Bike, Bike Action Team significa divertimento" ha spiegato, illustrando poi la nascita, in particolare, della Marathon Bike della Brianza e di Cascine e Sentieri, oltre ai vari momenti di aggregazione del gruppo. "La prima Marathon Bike della Brianza l'abbiamo organizzata nel '92, su un percorso unico, uguale per tutti. Quest'anno sarà la ventisettesima edizione e nella scaletta nazionale siamo la gara più longeva. Cascine e Sentieri con noi nasce nel 2003, alla scoperta di sentieri e cascine. Abbiamo preparato anche cartelli per illustrare la storia delle cascine, e rispolverato una serie di sentieri non consueti". Decio ha poi illustrato il significato dell'aggregazione e le finalità dello sport. "Gli eventi portano ad aggregazione di personaggi non solo a livello locale ma anche nazionale e internazionale. Poi, attraverso questi eventi abbiamo creato un gruppo. Sport significa stare bene, significa prevenzione, creare un benessere anche nella collettività, contatti e relazioni, amicizie. Questi due eventi ci fanno riscoprire il territorio, i sentieri. L'attività sportiva diventa recupero, pulizia, manutenzione, ripristino dei sentieri e del nostro territorio" ha concluso, facendo cenno al collegamento con le associazioni del territorio.




La serata si è conclusa con l'intervento di Gianni Sassella, presidente dell'Asd Casateserogoredo, che ha raccontato la storia della società biancorossa. "C'è stata una fusione perché la Casatese non aveva quasi più un settore giovanile: quindi abbiamo unito le forze. Si è creata una società forte che oggi vive sul territorio con pregi e anche difetti, lo sappiamo benissimo e ce lo ricorda la storia. In ogni società ci sono dei costi e soprattutto degli impegni. Tutto nasce anche da una certa impostazione per dare un segno in una realtà che deve continuare. Oggi posso dire che le nostre scelte sono state fatte bene, e i risultati sono arrivati". Sassella ha poi illustrato le attività principali della società. "Quest'anno la Casateserogoredo ha portato tutte le categorie nei regionali A, dove ci sono anche le squadre professionistiche, mentre la prima squadra è in Eccellenza. Due anni fa ha sfiorato per due minuti la serie D a Bolzano. Il bello è che non si deve dare nulla per scontato. L'anno scorso ci siamo salvati, quest'anno ripresentiamo una grande squadra con ottimismo e voglia di fare bene" ha raccontato, spiegando le novità e proposte anche per i giovanissimi e il ruolo di organico e volontari. "La società tiene molto al settore giovanile e mi spiace per chi ha passato una brutta esperienza. Dopo tante fatiche la società si sta imponendo anche nel territorio".



Don Andrea Perego - GSO San Giorgio

A concludere la serata un intervento del pubblico e un'ultima riflessione sul valore educativo delle esperienze sportive nelle diverse associazioni.
"Nel nostro paese c'è una pluralità e ricchezza di associazioni che sono orgoglio e motore per la nostra comunità" ha ricordato Cogliati, salutando e ringraziando tutti i presenti e gli organizzatori della serata. "Tutti hanno descritto realtà in cui prevalgono valori di integrazione, aggregazione, solidarietà, fratellanza, educazione alla vita. Poi c'è anche la competizione. Nella sfilata finale delle Olimpiadi, si vede quasi un mondo unico, un popolo unico, con allegria, spirito di gruppo e gioia. Questo è quello che dovremmo imparare a fare tutti e che dovrebbe essere una costante di questa nostra comunità e del mondo".

L.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco