Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 197.339.645
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Sabato 22 settembre 2018 alle 12:55

Cassago: un incontro per imparare a leggere la busta paga

"Imparare a leggere nei dettagli la propria busta paga e conoscere i propri diritti" sono queste le parole utilizzate dal delegato FIOM Fiorenzo Droghini della Bulloneria Fontana di Veduggio per introdurre l'incontro dal titolo "Vuoi conoscere come funziona la busta paga? Vuoi capire come si arriva dal lordo al netto?", organizzato, giovedì 20, dal sindacato in collaborazione con il comune di Cassago Brianza. A fornire le informazioni e a tracciare un quadro complessivo è stato il funzionario della Fiom CGIL Monza e Brianza, Mauro Castelli, che ha fornito ai presenti informazioni utili alla lettura della busta paga. Il suo intervento è partito dal riferimento costituzionale in materia di lavoro, l'articolo 36 del testo fondamentale della Repubblica che stabilisce il diritto del lavoratore a una "retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro e, in ogni caso, sufficiente a assicurare a sé e alla propria famiglia una esistenza libera e dignitosa".


Il funzionario FIOM ha quindi spiegato le varie voci che ogni busta paga deve presentare: dati anagrafici, data di assunzione, inquadramento professionale, periodo di riferimento, elementi della retribuzione, trattenute previdenziali, assegno per il nucleo famigliare, trattenute fiscali. "La retribuzione può essere diretta e indiretta" ha spiegato, elencando alcune delle voci che vanno a costituire l'una e l'altra tipologia. In quella diretta vengono specificate le maggiorazioni, "compensazioni del disagio relativo al lavoro notturno, festivo, a turni o al prolungamento dell'orario oltre il limite contrattuale previsto", e le indennità previste dal Contratto Nazionale come quelle "per disagiata sede", "di maneggio denaro", "di mensa", "di trasferta", "di reperibilità", "sostitutiva di preavviso". Mauro Castelli ha voluto precisare come tutte le ore lavorate oltre alle quaranta settimanali previste dal contratto nazionali debbano essere considerate come "straordinari" per un massimo di due ore al giorno e otto settimanali fino a un limite massimo annuale di duecento o duecentocinquanta ore, a seconda che l'azienda abbia più o meno di duecento dipendenti. Per quanto riguarda la retribuzione indiretta invece, compaiono una serie di parametri come festività, ferie, permessi retribuiti. "Per ogni anno di lavoro il dipendente ha diritto a un periodo di ferie di quattro settimane" ha spiegato il funzionario, aggiungendo che i giorni di ferie aumentano a seconda dell'anzianità. Per quanto riguarda gli assegni famigliari se ne ha diritto, ha specificato Mauro Castelli, solo se "il lavoratore ne fa richiesta". Il funzionario ha quindi spiegato come viene a formarsi la retribuzione netta che, generalmente, altro non è che l'esito della somma alla paga base di scatti di anzianità e eventuale premio di produzione. Da questo ammontare si devono togliere le trattenute INPS che vanno a costituire l'imponibile fiscale mensile su cui si paga un'aliquota IRPEF diversa a seconda della fascia, dalla più bassa del 23% alla più alta del 43%. Nell'esempio fatto dal funzionario da un imponibile previdenziale mensile di 1796 euro si è dovuto togliere circa poco più di quattrocentocinquanta euro tra trattenute previdenziali e fiscali. "Bisogna aggiungere anche le addizionali IRPEF regionali e comunali che variano a seconda del luogo di residenza del lavoratore" ha specificato il funzionario CGIL. "E' stata una serata aperta ai lavoratori di tutte le realtà produttive della zona, in particolare di "Fontana" e "Agrati" di Veduggio" ha spiegato l'assessore alla Gestione delle Risorse Finanziarie e al Personale, Servizi al Cittadino, Innovazione Tecnologica, Funzioni Sovracomunali Antonio Carrino. "Come amministrazione abbiamo deciso di dare il patrocinio perché è un argomento importante e necessario per avere una serie di informazioni utili a qualunque lavoratore dipendente".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco