Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.949.340
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Martedì 23 ottobre 2018 alle 09:06

A Emilio Magni il Nobel per l'ambiente

Egregio direttore,
le scrivo per farle una clamorosa proposta: proponiamo il signor Emilio Magni per l'assegnazione del Nobel per l'ambiente.
Vorrei tranquillizzare lei e suoi lettori che non sono impazzito. Sono però rimasto molto colpito dalla lettera pubblicata sul suo portale nei giorni scorsi e che ancora oggi campeggia in apertura del portale.
Ovviamente vi chiederete cosa ha fatto di tanto sensazionale il signor Magni, per meritarsi un Nobel. Non ha fatto assolutamente nulla di straordinario, ma è proprio questo ha dar valore alla sua azione.
"Se inquiniamo l'ambiente, l'acqua, l'aria e il terreno, stiamo inquinando noi stessi. Io vorrei lasciare un mondo migliore ai miei figli e nipoti, e voi?"
Tutti qui. Ho trovato in queste poche e semplici parole la risposta ai grandi interrogativi sul futuro dell'ecosistema.
Se ognuno di noi si ponesse nell'atto di compiere un'azione, questa semplice domanda, credo che tutti vivremmo in un mondo migliore. In una parola dovremmo essere tutti "responsabili" e "consapevoli" delle nostre azioni, anche le più semplici e scontate.
Liberarci di una bottiglietta di plastica, visti tutti gli aspetti negativi che questa azione comporta, dovrebbe condizionare il nostro agire. In pratica se ce ne liberiamo in modo responsabile probabilmente quel pezzo di plastica finirà per essere riutilizzato o comunque smaltito in modo da non provocare ricadute negative sull'ambiente. Se invece facciamo in modo che la bottiglietta finisca in un forno inceneritore o peggio ancora in un corso d'acqua, dovremmo essere consapevoli che quella stessa bottiglia finirà per essere "respirata" se non da noi dai nostri figli. O addirittura ingerita sotto forma di microparticella dentro un pesce...
Quello che vorrei far comprendere, è quello che il signor Magni ha comunicato con estrema efficacia: è necessaria maggior consapevolezza e senso di responsabilità da parte di tutti. Quello che ha descritto nella sua lettera non trova giustificazioni, è un delitto.
E' inutile che ci sorprendiamo ad ogni evento atmosferico eccezionale, sia esso un nubifragio, una tromba d'aria o una grandinata record, quando in realtà conosciamo perfettamente le cause. Dovremmo invece meravigliarci di come i fenomeni atmosferici seppur devastanti spesso - per fortuna - non sono catastrofici. La Natura - con la N maiuscola come scrive il signor Magni - in qualche modo riesce a ancora ad attenuare gli effetti e le conseguenze dell'inquinamento. Fino a quando questo avverrà lo scopriremo a nostre spese.
Non voglio dilungarmi, le parole del signor Emilio Magni sono illuminanti e vorrei che tutti se le imprimessero in modo indelebile nella mente. Non fatelo per voi/noi, ma fatelo per i vostri/nostri figli.
Cordiali saluti
Lettera firmata
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco