Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.577.531
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Domenica 04 novembre 2018 alle 15:24

Costa: ricorda il 4 novembre, un corteo con gli alpini e la banda

La cerimonia di commemorazione dei cento anni della fine del primo conflitto mondiale a Costa Masnaga è cominciata già nella serata di sabato 3 novembre quando alle 19, il gruppo degli Alpini si è ritrovato insieme a una rappresentanza dell’amministrazione comunale davanti al monumento dei Caduti per leggere il discorso inviato dal capogruppo ANA nazionale a tutte le sezioni presenti lungo lo Stivale.

Nella mattina di domenica 4 novembre, le celebrazioni sono proseguite con il ritrovo presso il piazzale antistante la biblioteca comunale dove il corpo musicale Santa Cecilia di Costa ha eseguito alcuni brani.
É stata poi inaugurata la mostra degli Alpini al piano terra del Costaforum. “Ringrazio gli alpini e il loro capogruppo Geronimo Canali che si è tanto speso per portare qui questi pannelli che costituiscono una bella panoramica di tutta la storia della prima guerra mondiale” ha esordito l’assessore all’istruzione e cultura Anna Cazzaniga.

“Oggi si commemorano i defunti della prima guerra mondiale e si ricorda il momento in cui la guerra è finita. Questo conflitto, anche con la pace, ha lasciato una serie di strascichi negli anni successivi, come la Depressione del 1929 e, più avanti, l’ascesa al potere di Hitler. Il nostro intento è quello di commemorare e ringraziare tutti i caduti, ma anche di ragionare sulla bruttezza di tutte le guerre perché la storia serve a non farci fare gli stessi errori. Molti sono partiti volontari convinti che si trattasse di una guerra giusta ma poi si sono pentiti per la violenza della guerra di trincea, dove si ammazzava chi si vedeva negli occhi. Colgo l’occasione per ringraziare gli alpini a cui lego non solo la testimonianza degli avvenimenti bellici, ma anche qualcosa di positivo: sappiamo che quando c’è una catastrofe naturale loro sono sempre in prima linea e sanno portare il loro aiuto”.

La commemorazione è proseguita al monumento dei caduti presso il municipio dove la sindaca Sabina Panzeri ha deposto la corona di alloro e letto una preghiera per i defunti.
Si è in seguito formato un corteo che, accompagnato dal banda, ha raggiunto la chiesa parrocchiale dove si è tenuta la celebrazione eucaristica. Al termine, la commemorazione è proseguita al monumento dei caduti del cimitero. La giornata di celebrazioni si concluderà questa sera: alle 20.30 presso il Costa Forum, si terrà il concerto del coro Cai e della corale di Molteno, accompagnata dalla lettura di lettere dal fronte di alcuni costamasnaghesi, curata dalla compagnia teatrale Cosmas.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco