Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.773.444
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Domenica 04 novembre 2018 alle 17:16

Cremella: 4 Novembre con i ragazzi di 5°della scuola primaria

Sono stati gli alunni della classe quinta della scuola primaria del paese i protagonisti della ricorrenza del quattro novembre a Cremella. In occasione della Festa dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate, sono stati loro a leggere testimonianze dei soldati durante la guerra e a intonare il "Piave Mormorò", l'"Inno di Mameli" e "La strada del Davai".

Le immagini della cerimonia di questa mattina a Cremella

Nelle prime, forte è riecheggiato il risentimento della truppa nei confronti dello stato maggiore e, in particolare, del generale Luigi Cadorna, alla guida delle forze armate italiane fino al 1917, responsabile degli "esiziali attacchi frontali all'arma bianca contro trincee e mitragliatrici che erano costati la perdita di centinaia di migliaia di soldati inutilmente" e a cui è ancora dedicata una delle strade principali del paese.

I rappresentanti dell'amministrazione comunale e dell'Arma dei carabinieri

Sul bilancio sanguinoso del conflitto si è soffermata anche la sindaca Ave Pirovano che ha invitato i presenti a non dimenticare "il numero tragico delle morti, testimonianza del sacrificio immenso di tanti". La prima cittadina ha poi rivolto un ringraziamento alle forze armate e alle associazioni di assistenza, per il "sacrificio" e per il contributo importante nella storia e nel presente dell'Italia. Facendo riferimento ai bambini delle scuole presenti, ha sottolineato l'importanza della cultura e della preparazione scolastica per mantenere viva la memoria e per trasmettere i valori di giustizia e libertà.

La benedizione impartita da don Giuseppe Scattolin

Sempre agli alunni ha rivolto il suo "ringraziamento per averci commosso con questi canti e le testimonianze". Da ultimo non è mancato il riferimento al progetto del Consorzio Villa Greppi e a "Ho scritto lettere piene d'amore", titolo che riprende uno dei "versi più commoventi" di Giuseppe Ungaretti e che ha l'obbiettivo di "ricordare tutti coloro che, con l'entrata in guerra dell'Italia, di colpo videro le proprie vite cambiare tragicamente e in troppi casi interrompersi".

In primo piano a sinistra la sindaca Ave Pirovano

Come scritto nel volantino di presentazione distribuito dagli alunni nella piazza di Cremella antistante il comune, "il Consorzio Villa Greppi torna con questo progetto nei luoghi della Prima Guerra con un viaggio lungo le tracce della storia e la riscoperta dei documenti che raccontano la guerra".
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco