Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.577.930
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Lunedì 05 novembre 2018 alle 19:32

Molteno: i Carabinieri arrestano una 38enne per tentato furto in abitazione

I carabinieri della stazione di Costa Masnaga hanno arrestato questa notte R.F., 38enne già nota all'autorità giudiziaria, per tentato furto aggravato.
Gli uomini dell'Arma l'hanno fermata in un'abitazione privata di via Roma a Molteno su segnalazione del nipote della presunta vittima: dopo aver constatato la forzatura della porta d'ingresso, i militari hanno trovato la donna nel locale adibito a soggiorno. L'anziano avrebbe dichiarato ai militari di essere stato già vittima di furti perpetrati dalla donna: nella stessa serata gli avrebbe asportato 25€ dal suo portafoglio, approfittando della sua età e malattia. Non sarebbe tuttavia la prima volta che la donna si introduceva nello stesso appartamento per commettere furti, avendo i carabinieri già registrato altri episodi negli ultimi mesi.
Tradotta nel primo pomeriggio di oggi in tribunale a Lecco per il rito direttissimo, l'imputata ha dovuto rendere conto al giudice Enrico Manzi dei fatti a lei contestati: per il tentato furto di questa notte ha ammesso ogni addebito mentre ha respinto ogni accusa relativamente al ''colpo'' avvenuto poche ore prima.
Dopo che il giudice ha convalidato l'arresto e disposto la misura cautelare dei domiciliari, come richiesto dal Vpo Mattia Mascaro, l'avvocato Paolo Rivetti, difensore di fiducia della donna ha chiesto un termine a difesa precisando che per la stessa è già stata disposta dal medesimo tribunale una perizia per stabilire la sua capacità di intendere e di volere.
Il giudice ha così rinviato il processo al prossimo 16 novembre per la riunione degli altri fascicoli a carico dell'imputata e per il conferimento dell'incarico al perito che dovrà verificare la capacità della donna.
B.F.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco