Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.577.813
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Lunedì 05 novembre 2018 alle 22:57

Cassago: denunciata la scomparsa delle tre medaglie d'oro dai labari dell'UNIRR



La presidente Enrica Zappa accanto ad uno dei labari dell'UNIRR durante la cerimonia dell'ottobre 2014

"Non c'era alcun segno di effrazione, ma sui labari dell'associazione UNIRR (Unione Nazionale Italiana Reduci di Russia) erano sparite le tre medaglie d'oro". E' stata questa la triste scoperta fatta nei giorni scorsi dalla presidente provinciale Enrica Zappa, non appena entrata nella sala civica di Oriano dove l'associazione dei combattenti ha la propria sede a Cassago Brianza.
Per lei la sparizione delle medaglie d'oro è una perdita anche affettiva visto che era stata proprio la presidente Zappa a donarne una all'associazione in memoria del padre, disperso durante la campagna di Russia promossa dal governo fascista italiano. "Ho sporto denuncia ai Carabinieri della stazione di Cremella" ha continuato, rivelando l'assenza di segni di scasso all'ingresso della sala civica, aperta nelle ore diurne e serali e quindi piuttosto accessibile in quanto utilizzata durante la settimana per le attività e le riunioni di varie associazioni e gruppi.
Nell'ottobre 2014 durante una cerimonia svoltasi nella sala consiliare del municipio, uno dei due labari del sodalizio - più precisamente quello dedicato ai famigliari dei caduti e dispersi nella tragica Campagna di Russia - era stato decorato con la medaglia d'oro. Si era trattato di un momento molto toccante, in onore di tutti i famigliari che, con grande dignità e forza, hanno mantenuto vivo il ricordo degli amati soldati che sono morti in guerra o non hanno fatto più ritorno a casa.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco