Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.577.407
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Giovedì 08 novembre 2018 alle 10:39

Rogoredo: a Tiziano Sironi il 1°premio al concorso letterario di Valmadrera

Ha ottenuto il primo posto nell'ambito del concorso letterario promosso dall'Assessorato alla Cultura e dalla Biblioteca Civica del Comune di Valmadrera, in collaborazione con l'Associazione Banca del Tempo, Tiziano Sironi di Rogoredo.

La premiazione di Tiziano Sironi


Grazie al suo componimento ''L'è fundà ul Batel (Patria)'', il casatese - membro del Coro Brianza e del Gruppo fotografico AFCB - si è aggiudicato la sezione dedicata alla poesia inedita in dialetto lecchese.
Una bella soddisfazione per lui e per l'intera comunità di Rogoredo che ha già esposto la sua poesia alla ''Rotonda dei Poeti'' di Via Madonnina.
L’ è fundà ul Batel
(Patria)


L’è funda ul batel
Quel puse vecc, quel puse bel
L’è funda in de l’acqua del lach
Forzi, l’era stof e strach

L’era in gir tot ul dee
Da Com a Colich e turnà indree
L’era semper luster e gentil
Ma un dee, l’han ligà ad un puntil

L’è sta ligà per tanti an
Che sin creà insce tanti dan
E la sua punta, che un de la taiava l’unda
Tot i dee pian pian l’è lee che la sprufunda

Chissa quanti stori te gheret amò de racuntà
Vuna per ogni dee che te pasà
Stori noef e stori vecc
Se rifleten in so l’acqua cumè in un specc

Ma un dee de culp te tucà ul funt
E la tua saguma sut’acqua la se scunfunt
Ai geent adess ghe vegnu la nustalgia
De la tua scia bianca piena de puesia

Urmai te se sut’acqua de tantu temp
Ma i person, voren vedet amo a taia ul vent
Voren vedè amo quel to bel rifless
Che culura l’acqua e nascunt i pess.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco