Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 196.878.826
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Mercoledì 21 novembre 2018 alle 15:20

Oggiono: i ragazzi delle medie in visita al museo del Ghisallo



Martedì 20 novembre è stata una giornata magica per i ragazzi di 3B della scuola secondaria di I° "Marco d'Oggiono", che all'emozionante sorpresa della neve che li ha accolti al Ghisallo hanno unito il fascino di storie di grandi campioni del ciclismo raccontate con sapienza e passione da Chicco, la guida storica del Museo. La classe, impegnata nel laboratorio teatrale promosso dalla Biblioteca civica in collaborazione con l'Istituto comprensivo e dedicato quest'anno allo sport, ha avuto infatti la possibilità di visitare il Santuario della Madonna del Ghisallo e il Museo del Ciclismo, luoghi unici al mondo che custodiscono cimeli, ricordi e testimonianze preziose della storia del ciclismo, una storia fatta non solo di epiche vittorie ma anche di eroismo, di sudore, di fatica, come recita la targa affissa sul monumento ai ciclisti: "Poi Dio creò la bicicletta perché l'uomo ne facesse strumento di fatica ed esaltazione nell'arduo itinerario della vita. Su questo colle essa è diventata monumento all'epopea sportiva della nostra gente, che sempre è stata aspra nella virtù e dolce nel sacrificio".
I ragazzi sono stati preparati alla visita al Museo grazie ad una lezione ad hoc tenuta dall'arch. Davide Bergna, progettista e consigliere del Museo del Ghisallo a cui vanno i ringraziamenti della Biblioteca civica per l'adesione al progetto, che nel descriverne la costruzione da un punto di vista storico, tecnico e paesaggistico e nel raccontare simpatici aneddoti legati alla figura di Fiorenzo Magni ha stimolato ancora di più la loro curiosità e il loro interesse per la visita.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco