Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.361.408
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Lunedì 26 novembre 2018 alle 09:37

Analisi dell’esito delle votazioni del PD locale e provinciale del 18 novembre. Laio e Medea hanno vinto su Edipo e Giasone

Il dr.Enrico Magni
Dopo una settimana dal voto del 18 novembre, per il rinnovo della segreteria Provinciale del Pd, quella della città di Lecco e degli altri Circoli, a parte una descrizione generale dei risultati, c'è un mutismo assordante. Tutto è dato per scontato, per ovvio, eppure le votazioni hanno ridefinito, per quello che conta, la mappa di questo partito in provincia di Lecco.
Il sintomo, del mal di pancia del Pd a Lecco, era evidente con la spallata e il nuovo assetto della Giunta di Lecco fatta da Virginio Brivio. Il resto è una conseguenza. La fusione a freddo del Pd sta manifestando, anche nel territorio lecchese, la frantumazione molecolare, generando un processo regressivo compositivo delle aree territoriali e politiche. Sul piano provinciale si riconferma il conflitto storico tra la città di Lecco con la Brianza. Il dato nuovo, però, di quest'atavico scontro, è che il casatese e l'oggionese si sono alleati staccandosi dal meratese. Il meratese è sempre stato un punto di sollecitazione, di stimolo nei confronti di Lecco. La zona del casatese è sempre stata più conservatrice, staccata, autonoma, una costola di Merate. Le segreterie provinciali post PCI a Lecco (PDS, DS, PD) sono stati caratterizzati da segretari del meratese, a parte l'anomalia cuscinetto del Calolziese. E' la prima volta che il casatese sbarca a Lecco, questo è stato possibile grazie all'alleanza con l'oggionese, che comprende anche Valmadrera. Lecco, a parte il segretario uscente, da anni continua a soffrire nel promuovere e sostenere nuove personalità, non solo alla guida della città, ma anche negli altri organismi sociali di rappresentanza. Per il Pd di Lecco, una causa sostanziale è la diminuzione degli iscritti, bassissima. Sui 216 iscritti pare che siano andati a votare 160. Non sono stati nemmeno capaci di spingere i pochi a votare, per modificare il risultato, bastavano quei voti. E' il segno del distacco, dell'incomunicabilità politica e sociale. La Brianza tende a trovare compromessi e alleanze. Con uno sguardo più sociopolitico, seguendo la logica della frammentazione, dello scontro tra centro e periferia, a Lecco è successo quello che si è verificato il 4 marzo. La città, a parte qualche membro, è più Ds, è più spostato sull'asse di sinistra, quello del casatese e associati, sempre con i vari distinguo, è più spostata sul centro, Partito Popolare (non Margherita). Si potrà dire che è una lettura pregiudiziale. Si dica, si dimostri nella sostanza che non è così. E' facile sostenere questa tesi, basta leggere le storie politiche dei membri eletti, poi, saranno tutti indiscutibilmente Pd. L'altro elemento, che stupisce negativamente, è il fattore generazionale degli eletti nei vari organismi. E' un dato non trascurabile. La media dell'età tende a stare sopra i sessant'anni. E' un dato che evidenzia l'incapacità rigenerativa del partito. Non sfugge che il segretario di Lecco batte sulle spalle settantotto anni, è il primo segretario della storia a Lecco più anziano (lunga vita e buon lavoro) e gli altri ? Per finire, in modo un po' ironico, in chiave analitica, ma non troppo, i nonni hanno ripreso in mano il comando della città e della provincia. Laio e Medea vincono su Edipo, su Giasone (Sofocle, Edipo re). Il nipotino di Firenze, tanto amato, è ucciso simbolicamente dai nonni. E' la dimostrazione sociale e politica del principio di Archimede: " ogni corpo... riceve una spinta verticale dal basso verso l'alto, uguale per intensità al peso del volume del fluido spostato". Le votazioni all'interno del Pd locale, provinciale di domenica 18 novembre sono l'espressione di un voto di resistenza, di sussistenza. Da questo risultato non è scaturita una rappresentanza nuova e innovativa: poche sono le facce fresche, non basta la buona volontà dei nonni. Chi guarda dall'esterno resta stupefatto per la conservazione e il rischio di stagnazione politica. Così non va. La fusione a freddo sta bollendo, il coperchio sta scoppiando.
Dr.Enrico Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco