Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 192.658.129
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/01/19

Lecco: V.Sora: 83 µg/mc
Merate: 77 µg/mc
Valmadrera: n.d. µg/mc
Colico: 85 µg/mc
Moggio: 95 µg/mc
Scritto Giovedì 29 novembre 2018 alle 17:25

Bosisio: il consiglio ospita i ragazzi della primaria e ''corre'' veloce sui punti tecnici

Consiglio in versione "light" - sia per contenuti che per trattazione - quello che si è svolto nella serata di mercoledì 28 novembre a Bosisio Parini. Oltre alla brevità dell'assise, peraltro costellata più da punti di carattere tecnico che politico, la seduta è stata inizialmente allietata dalla presenza degli alunni della classe quinta dell'istituto Calvino che hanno dimostrato vivace interesse, attenzione e curiosità verso i rappresentanti comunali.

I bambini della scuola primaria Italo Calvino

Il sindaco Giuseppe Borgonovo ha invitato accanto a lui il giovane collega Christian Fratea che, in fascia tricolore, ha presentato il suo gruppo di assessori e collaboratori, i quali hanno a loro volta posto alcune domande per conoscere meglio il funzionamento della macchina amministrativa che stanno studiando, a partire dalla realtà loro più vicina, appunto quella comunale. Hanno invitato i gruppi politici a presenziare allo spettacolo che stanno preparando per ricordare la Shoah e hanno avanzato all'amministrazione alcune richieste come l'installazione di panchine e di cestini per la raccolta differenziata nel giardino della scuola oltre alla possibilità di realizzare un'aula all'aperto.
Dopo la presentazione di ciascun consigliere, l'assise ha dato prova delle sue competenze legislative, discutendo la mozione del gruppo di minoranza Bosisio Viva che ha chiesto la ricollocazione nella "sala della cattedra" di palazzo Cesati della mostra del fotografo Uliano Lucas: alcuni scatti inerenti i luoghi pariniani erano stati infatti donati dalla provincia di Lecco al comune in occasione dei 200 anni della morte dell'illustre poeta. A seguito di lavori di tinteggiatura, le immagini erano state collocate in un deposito. Cogliendo la palla al balzo, il primo cittadino ha chiesto all'opposizione di fornire un contributo concreto nel posizionamento degli scatti, vale a dire "manovalanza" per far tornare alla luce quegli scatti d'autore, da riposizionare seguendo un criterio logico. Proposta accettata con entusiasmo da Marta Brambilla, secondo la quale il gruppo non può sottrarsi a tale proposta dopo aver presentato la mozione.

In piedi il sindaco Giuseppe Borgonovo

I consiglieri del gruppo di minoranza Bosisio Viva

Dopo il saluto al gruppo di studenti, che si sono congedati dalla soddisfatti di questa lezione speciale, il consiglio è proseguito piuttosto velocemente con l'annuncio di conferire la civica benemerenza, secondo quando deciso dall'apposita commissione, al dottor Luigi Mauri, noto cardiologo nonchè uno dei primari dell'ospedale Niguarda di Milano. Borgonovo ha anche dato comunicazione della delibera di giunta del 10 ottobre scorso per una variazione urgente al bilancio di previsione per sostenere una maggiore spesa di 3.000 euro per il carburante del mezzo che serve ad accompagnare un alunno disabile in un istituto scolastico a Lecco.
Con l'astensione di Bosisio Viva è stata poi presentata, dal responsabile del procedimento dell'ufficio ragioneria Andrea Coppola, l'ennesima variazione di bilancio che vede, nel capitolo delle entrate, 19.000 euro di dividendi di Lario Reti Holding e 30.000 euro di contributo dell'autorità di bacino del Lario e dei laghi minori per la realizzazione del pontile alla Darsena Brera. La prima voce verrà così redistribuita nelle spese: 6.500 euro per la manutenzione del verde, 6.000 euro per la manutenzione delle strade, 5.000 euro per l'illuminazione pubblica ed Enel sole e 15.000 euro per la cartellonista. La quota rimanente rientra in aggiustamenti.

Accanto al sindaco il ''baby collega'' Christian Fratea


La dottoressa Maria Vignola ha invece illustrato lo schema di convenzione per l'affidamento in concessione del servizio di ristorazione scolastica per gli anni 2019-2020, con possibilità di ripetizione per ulteriori due anni scolastici. Si tratta dell'appalto di servizi più corposo del comune, per il quale si prevede un appalto di quasi 250.000 euro ad anno scolastico. La ditta assegnataria non solo confezionerà pasti ma gestirà anche la vendita e la riscossione dei buoni pasto, per i quali è stata avanzata la proposta di aggiungere, accanto alla tradizionale modalità di acquisto presso l'edicola, il pagamento elettronico.
Infine, con l'astensione di Bosisio Viva, è passato anche il piano dei servizi sociali 2018/2019, che incide complessivamente sul bilancio per 200.000 euro. L'assessore alla partita Ivana Ferrario ha soltanto enunciato le tre novità che riguardano il documento: un progetto sperimentale di inclusione sociale per le persone fragili, un altro finanziato dall'ufficio d'ambito per giovani che svolgeranno lavori, a rotazione nei comuni aderenti, per un massimo di 25 ore settimanali. Infine, c'è la proposta di housing sociale su casa Carpani dove è presente il primo ospite, proveniente da Rogeno.

Da sinistra gli assessori Paolo Gilardi,  Alberto Pasini, il sindaco Giuseppe Borgonovo
la segretaria dr.ssa Maria Vignola e l'assessore Caterina Loprete

Su quest'ultimo punto è avvenuta la discussione più accesa della seduta: il capogruppo d'opposizione Giacomo Gilardi ha espresso le sue perplessità sulla scelta di realizzare un simile progetto: a suo parere Casa Carpani non avrebbe dovuto avere quella destinazione, ma rimanere un luogo per anziani come concepito da chi ha fatto il lascito. Di tutt'altro avviso il sindaco che ha invece sostenuto la bontà dell'iniziativa ritenendo fondamentale non chiudersi a riccio nelle proprie vedute ma aprire alcuni progetti a più realtà. A suo dire, i problemi di casa Carpani, sarebbero altri, peraltro già ben noti e piuttosto gravi legati "al tradimento della generosità della commissione da parte di qualche ospite".
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco