Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 190.319.110
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/12/18

Lecco: V.Sora: 70 µg/mc
Merate: 70 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 65 µg/mc
Moggio: 71 µg/mc
Scritto Lunedì 03 dicembre 2018 alle 15:15

Monticello: meno loculi e più...cremazioni nel 2018, grazie al contributo del Comune

Più cremazioni nel 2018 a Monticello. La curiosità - seppur il tema non sia dei più felici, lo sappiamo - è emersa nell'ultima seduta consiliare, quando l'assise è stata chiamata a votare l'ultima variazione al bilancio per l'anno in corso (circa 140mila euro complessivamente l'entità della ''manovra'').
Tra le minori entrate di cui ha dato lettura il sindaco Luca Rigamonti vi è anche la cifra di 7mila euro relativa alle concessioni cimiteriali per i loculi. Come ha spiegato infatti il primo cittadino, nel corso di quest'anno che sta per terminare si è registrato un incremento del numero di cremazioni, complice probabilmente il contributo che il Comune di Monticello elargisce ai parenti dei defunti che scelgono questa pratica rispetto alla tumulazione a terra o nei colombari. Un aiuto economico introdotto più di dieci anni fa, finalizzato anche a risparmiare spazio all'interno dei due cimiteri presenti sul territorio comunale.

Una simulazione grafica dell'intervento per ampliare il cimitero di Monticello


Il contributo per la cremazione della salma è pari a 400 euro, cifra che si abbassa a 350 euro in caso la pratica avvenga dopo l'esumazione dei resti a terra o nei colombari. Un aiuto economico non indifferente in questi tempi di crisi, che potrebbe aver spinto molte famiglie - o direttamente il defunto prima della morte - a propendere per questa tipologia di concessione, scegliendo di cremare le spoglie dei propri cari e a tumularne i resti nelle celle cinerarie. Nel 2018 - che non è ancora concluso - sono state undici complessivamente le cremazioni che hanno interessato il camposanto di Monticello o Cortenuova. Un numero lievemente più alto rispetto al passato: dando uno sguardo ai dati 2017 e 2016 infatti, ci si accorge che il numero delle cremazioni si era fermato rispettivamente a nove e sei negli ultimi due anni.
Nonostante questo incremento, il Comune procederà comunque all'ampliamento del cimitero di Monticello, dove si rende necessario ricavare nuovi posti per le sepolture, ormai al limite considerando lo spazio ridotto presente all'interno della struttura. Lo ha ribadito anche l'assessore ai lavori pubblici Giorgio Casiraghi rispondendo ad una domanda del consigliere di minoranza Giovanni Pirovano. ''I loculi stanno per esaurirsi, servono ulteriori posti'' ha affermato il vicesindaco, ricordando alcune caratteristiche dell'intervento in programma, che sarà finanziato attraverso parte dell'avanzo di amministrazione e non più con un mutuo come inizialmente preventivato. L'opera consisterà nell'ampliamento del cimitero verso nord, la zona cioè che confina con Via Rossini - e che si affaccia verso il parco denominato Unicef - l'unica dove è possibile un'opera di questo tipo. Il perimetro del cimitero verrà spostato di qualche metro, inglobando la fascia erbosa che confina conl'attuale marciapiede. In due lotti saranno realizzati 136 loculi e 32 ossari (utilizzabili anche per le urne cinerarie), mentre è previsto un nuovo ingresso esclusivamente pedonale da Via Rossini, ricavato nella nuova struttura portante che ospiterà i nuovi spazi per la tumulazione.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco