Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 192.766.893
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/01/19

Lecco: V.Sora: 87 µg/mc
Merate: 23 µg/mc
Valmadrera: 87 µg/mc
Colico: 75 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Lunedì 10 dicembre 2018 alle 21:51

Barzanò: bilancio dell'attività di controllo di vicinato a un anno dall'avvio del progetto

A Barzanò compie un anno il progetto di Controllo di Vicinato: sette gruppi, centoottantacinque iscritti e circa il dieci per cento delle famiglie barzanesi coinvolte, sono i numeri dell'iniziativa. Ma come funziona concretamente? "I membri comunicano fra loro con una chat "Whatsapp", dove scrivono le segnalazioni o le criticità riscontrate nella zona di appartenenza, filtrate poi dai referenti di zona; questi ultimi decidono quindi se scartare questi messaggi o inviarli alle forze dell'ordine.

I dati elaborati dai referenti del Controllo di Vicinato


Solo di fronte a un reato imminente ciascun membro ha l'obbligo di avvisare direttamente la pubblica sicurezza" scrivono i promotori dell'iniziativa sul periodico del gruppo di maggioranza Il Barzanese, specificando che "questo non vuol dire sostituirsi alle forze dell'ordine, ma guardare con più attenzione il proprio quartiere, segnalando eventuali persone sospette, auto sospette o altro, informazioni utili a prevenire furti e/o permettere di individuare i responsabili di crimini già avvenuti".
Secondo i dati elaborati dai referenti del CdV, raccolti dal coordinatore e dal vice-coordinatore del gruppo "San Feriolo" e relativi ai primi otto mesi dall'inizio del progetto di controllo del Vicinato, sono stati venti i furti compiuti e nove quelli tentati, una truffa portata a termine e due tentate. In totale le segnalazioni sono state diciannove mentre venticinque sono state le non meglio specificate vulnerabilità in campo ambientale, strutturale e comportamentale.
Secondo i dati diffusi la maggior parte degli episodi (otto) si è verificata in via Achille Grandi a Torricella, seguita dalla zona di San Feriolo e da quella di Piazza Mercato. Soddisfazione è stata espressa anche per gli oltre duemila download del "Manuale per la sicurezza residenziale" pubblicato sul sito ufficiale de comune di Barzanò."Qui è possibile trovare indicazioni per rendere più sicura la propria casa (ad esempio lasciare la cassetta piena di lettere quando si va in vacanza significa comunicare ai ladri che la propria casa è a loro disposizione). "Un buon vicino è il miglior antifurto"", recita un antico proverbio giapponese: non puoi pensare che la tua casa sia sicura se non lo sono anche le strade del tuo quartiere" concludono i referenti del CdV.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco