Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 196.879.043
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Giovedì 13 dicembre 2018 alle 14:12

Cassago: nuovi investimenti, Eldap, servizi sociali e Retesalute i temi di dibattito in Aula

Una variazione di bilancio relativa agli investimenti è stata presentata mercoledì sera in consiglio comunale a Cassago Brianza. ''Andiamo oggi ad approvare una variazione che non cambia gli equilibri tra i vari capitoli in uscita. Le risorse necessarie sono state trovate grazie alle limitazioni delle spese e con le economie necessarie in ogni settore per un totale di circa duecentomila euro" ha spiegato Antonio Carrino, assessore alla gestione delle risorse finanziarie che ha voluto evidenziare anche la presenza di un fondo di cassa di quasi un milione di euro per il comune di Cassago Brianza. "Un tesoro importante che lasciamo a chi guiderà il Comune dall'anno prossimo".

Da sinistra gli assessori M.Cristina Giussani e Antonio Carrino, il sindaco Rosaura Fumagalli e il segretario dr.Vincenzo Del Giacomo

Insieme alla sindaca Fumagalli, ha poi specificato i vari capitoli di spesa: "cinquantamila euro serviranno per rimpinguare il capitolo sulle manutenzioni delle strade e per finanziare il rifacimento degli asfalti delle strade interessate da lavori, novantacinquemila euro saranno usati per le manutenzioni alla scuola dell'infanzia così da arrivare all'adeguamento del complesso alle normative vigenti, più di cinquantamila euro saranno destinati a lavori e sistemazioni al campo sportivo e alla sala civica di Oriano, circa diecimila euro andranno per altre spese tra cui l'acquisto di arredi e di tende parasole per la scuola primaria". Immediate sono arrivate le critiche e le richieste di chiarimento del gruppo di opposizione che, seppur dimezzato, ha fatto sentire la sua presenza durante il consiglio comunale di mercoledì sera. "Ci vorrebbero le elezioni tutti gli anni se servono per rifare gli asfalti in paese" è stata la provocazione lanciata da Paolo Amati, capogruppo di "Obiettivo Cassago Futura", dopo la presentazione della variazione al bilancio. Immediata la replica della sindaca Fumagalli che ha smentito eventuali calcoli elettorali dietro alle decisioni prese dalla sua giunta. "Abbiamo deciso di intervenire solo ora sugli asfalti perché sapevamo l'abbondanza degli interventi previsti sia per la sistemazione delle rete idrica che per l'istallazione della fibra ottica". Per questo "non si poteva ipotizzare di asfaltare prima: le risorse sono poche e vanno usate con cautela" ha spiegato, rintuzzando colpo su colpo anche le altre critiche mosse dall'opposizione. A partire dalla richiesta di aggiornamenti e chiarimenti sulla questione Eldap (area industriale ex cementeria ndr) e relativa fideiussione a cui la prima cittadina ha risposto così: "siamo in dirittura d'arrivo visto che responsabile e notaio stanno definendo la documentazione necessaria per arrivare a un accordo entro fine anno o al massimo entro la prima decade di gennaio". Sulla palestra comunale e sulla scuola, dove "servirebbero più lavori, in particolare per l'ammodernamento dei servizi" secondo Amati, la sindaca Fumagalli ha replicato, ribadendo la priorità degli investimenti scolastici per la sua amministrazione: "gran parte delle risorse vengono investite lì". Anche sul tema della viabilità in paese Amati è intervenuto, invitando la maggioranza a valutare l'adozione di "rialzamenti" in prossimità della centrale piazza Visconti per rallentare i veicoli e permettere attraversamenti pedonali in sicurezza. "E' una situazione da tenere monitorata" ha concordato la sindaca Fumagalli, aggiungendo che si tratta di "un intervento pesante visto il problema del reflusso delle acque in caso di abbondanti piogge". Il voto favorevole dei sette consiglieri di maggioranza e l'astensione dei due di minoranza ha permesso l'adozione della variazione del bilancio. Solo su questo punto maggioranza e opposizione hanno espresso visioni diverse mentre sugli altri tre punti all'ordine del giorno si è registrata l'unanimità.

Prima sull'approvazione della convenzione tra i comuni di Cassago Brianza e Veduggio con Colzano per l'esercizio associato delle funzioni di progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali fino al 2021 che ha ricevuto il disco verde sia della sindaca Fumagalli, "stiamo lavorando bene", sia del capogruppo Amati: "è una cosa ben accetta far le cose insieme per farle meglio". Sul conferimento della gestione dei servizi alla persona a ReteSalute la prima cittadina ha espresso la volontà unanime del consiglio comunale di andare avanti in questa direzione: "nessuno ha mai pensato di gestire servizi sociali in autonomia. Per questo andiamo a approvare il contratto con ReteSalute, definendo i servizi che gli affidiamo come l'assistenza educativa scolastica, la gestione minori, parte del post scuola, l'assistenza domiciliare a anziani e handicappati. Li manteniamo per la qualità". Da parte del consigliere Amati è arrivata la richiesta di alcune delucidazioni sulle liti e sui contenziosi aperti negli ultimi mesi all'interno dell'assemblea dei sindaci che fanno parte dell'Asp: "come avete vissuto questa fase?" è stata la sua domanda.

A destra i consiglieri di minoranza Amati e Puricelli presenti alla seduta

"Spesso ci siamo confrontati con il direttore perché bisognava dare a ReteSalute un assetto più solido. Questo è stato l'oggetto di discussione degli ultimi due anni" ha spiegato la sindaca Fumagalli, aggiungendo che, in ogni caso, "siamo riusciti sempre a garantire i servizi e tutti quanti hanno dovuto prendere coscienza dell'importanza dell'azienda. Un passo in questa direzione è stata la modifica odierna del regolamento così da permettere entrata di altri comuni oggionesi e di altri del caratese. L'obiettivo è rafforzare ReteSalute per consentirle quella stabilità e sicurezza finanziaria, condizioni necessarie per stare sul mercato".
In questo senso è stato approvato anche l'ultimo punto all'ordine del giorno, il recesso della Provincia di Lecco e la determinazione del rimborso della quota di partecipazione mediante acquisto da parte degli enti aderenti proporzionalmente alle loro partecipazioni.
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco