Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 197.235.884
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Giovedì 13 dicembre 2018 alle 19:26

Casatenovo, Vismara: il PM chiede una pena complessiva di 25 anni per i tre imputati a giudizio per i furti a segno nel '16


Il tribunale di Lecco nella sede di C.so Promessi Sposi
Una richiesta pesantissima quella formulata quest'oggi dal sostituto procuratore Paolo Del Grosso, titolare del fascicolo d'indagine aperto a seguito dei furti messi a segno nell'autunno 2016 presso il salumificio Vismara di Casatenovo, finiti poi al centro del procedimento penale che si sta svolgendo dalla scorsa primavera in tribunale a Lecco.
Il pubblico ministero nel pomeriggio odierno, ha infatti chiesto al collegio giudicante presieduto dal dr.Enrico Manzi, con a latere i colleghi Maria Chiara Arrighi e Martina Beggio, la condanna dei tre a venticinque anni complessivamente - mese più mese meno - ritenendoli responsabili delle illecite condotte a loro ascritte.
Undici anni e due mesi, oltre al pagamento di una multa da 3400 euro, è l'ipotesi di pena formulata nei confronti di Maurizio Arena - ex dipendente interinale dell'azienda con sede a Cascina Sant'Anna - ovvero la richiesta più alta formulata dal magistrato lecchese, che per Vittorio Rizzo - conoscente del primo - ha proposto invece nove anni e quattro mesi, oltre al pagamento di una multa da 3mila euro.
Se l'è cavata - si fa per dire - con la richiesta di condanna a quattro anni e sei mesi (e a 900 euro di ammenda) Michele Venere, l'allora guardiano notturno dello stabilimento casatese, tenendo conto dei due anni già patteggiati nel processo per direttissima per l'ultimo episodio ascritto ai tre, quando il 19 novembre di due anni fa, una vettura carica di affettati e prosciutti speronò un'auto civetta della Polizia, appostata all'esterno dello stabilimento. Tratto in arresto in fragranza di reato, secondo l'impianto accusatorio sostenuto dalla Procura il custode dell'azienda avrebbe fatto da "palo" ai complici, consentendo loro l'ingresso nell'area di pertinenza del salumificio da un angolo non ripreso dalle telecamere del circuito di videosorveglianza, facilitando loro il "lavoro".

Il salumificio Vismara di Casatenovo nella sede in località Cascina Sant'Anna

Rapina impropria l'ipotesi di reato contestata a Arena e Rizzo in relazione a quel fatto; un'accusa che - seppur nel corso dell'istruttoria i legali abbiano tentato di smontare - è stata riconosciuta nella requisitoria del Pm Del Grosso, e che ha contribuito a far lievitare vertiginosamente la richiesta di condanna nei confronti dei due.
Nell'udienza di oggi pomeriggio, con i testi in lista già escussi, si sono sottoposti ad esame proprio gli imputati Maurizio Arena e Vittorio Rizzo, con quest'ultimo che ha riferito di essere stato coinvolto nel ''fattaccio'' dal primo, suo conoscente, senza sapere effettivamente cosa avrebbe dovuto fare a Casatenovo. In riferimento al faccia a faccia con la polizia invece, l'ex lavoratore del salumificio ha spiegato di non essersi accorto della presenza degli operanti, a causa delle condizioni di scarsa visibilità di quella notte, ma di aver udito poco dopo un forte botto.
Le dichiarazioni dei due imputati (era invece assente Michele Venere ndr) hanno chiuso l'istruttoria dibattimentale, lasciando spazio alla discussione, con la requisitoria del dr.Del Grosso, alla quale hanno fatto seguito le arringhe dei difensori Manoela Stucchi, Antonino Billè e Sonia Bova. Si torna in Aula il prossimo 14 gennaio per eventuali repliche e la sentenza finale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco