Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 192.770.940
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/01/19

Lecco: V.Sora: 87 µg/mc
Merate: 23 µg/mc
Valmadrera: 87 µg/mc
Colico: 75 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Venerdì 21 dicembre 2018 alle 11:55

Castello B.za: temi finanziari e un ricorso al Tar in consiglio

Durante il consiglio comunale di mercoledì sera a Castello Brianza, sono state discusse questioni prettamente finanziarie: confermate le aliquote Irpef, Imu e Tasi per il 2019. Per quanto riguarda la variazione di bilancio adottata il 28 novembre in via d'urgenza in giunta, la modifica più importante è stata il meccanismo di versamento della quota provinciale della Tari, che ammonta al 5% e ha comportato maggiori spese.
Al successivo punto si è discusso in merito al piano finanziario, da approvare insieme al bilancio, in particolare per quanto riguarda le tariffe dei servizi di gestione dei rifiuti. "I costi previsti per il 2019 sono saliti di 5000 euro, dato che sono aumentati i rifiuti domestici. L'efficienza della gestione del servizio, però, consente ogni anno di abbassarli rispetto alle previsioni. Differenziare i rifiuti ancor di più rispetto al passato ha permesso ai comuni di recuperare delle risorse" ha spiegato il primo cittadino Aldo Riva.

Il consiglio riunito mercoledì sera a Castello Brianza

La nota di aggiornamento al DUP, introdotta al punto successivo, riguardava sostanzialmente le società partecipate e l'accoglimento di una figura di categoria C presso il comune, dopo la riduzione delle ore di servizio con un part time. "Sono previsti oltre due milioni di entrate per il bilancio 2019-2021 e l'eventuale avanzo sarà usato per investimenti dopo il mese di aprile. Sono confermati i costi dei servizi sociali, assegnati a una società tramite gara e attualmente in attesa di determina, in seguito ai necessari controlli" ha aggiunto il sindaco. Il consiglio ha poi preso in esame la revisione ordinaria delle società partecipate, in riferimento al 31 dicembre 2017, data dell'ultimo bilancio approvato. "Nel 2018 ci sono stati cambiamenti: Idrolario, ad esempio, è stata incorporata in Lario Reti Holding. Inoltre, avevamo una partecipazione indiretta in Lario Reti Gas, che ora non c'è più. Non abbiamo più nemmeno Acel Service né Aevv Energie, confluita in un'altra società. Silea, Lario Reti Holding e Seruso sono rimaste, mentre Asil si è limitata al ramo lecchese, dopo una scissione dai comuni comaschi. Quindi fonderemo Asil in Lario Reti Holding" ha spiegato Riva.
Infine è stata data comunicazione del ricorso al Tar presentato dalla società Camarca in merito al Pgt 2015, contro il comune di Castello Brianza: l'accusa di inerzia per il sindaco non sussiste, come verificato dalla commissione il 12 dicembre scorso. "Si chiedeva di ricostruire dopo aver abbattuto una cappella cimiteriale, ma la variante proposta dal comune non è stata accettata dalla società. La sentenza del Tar ha confermato che spetta al consiglio comunale stabilire il Pgt" ha concluso il sindaco, anticipando anche alcuni contenuti del prossimo consiglio comunale, che si terrà a fine gennaio 2019.
R.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco