Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 196.916.906
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Sabato 22 dicembre 2018 alle 10:54

No alla bretellina stradale di Molteno

"No alla bretellina stradale di Molteno". È questa la posizione del Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" che torna a criticare il progetto di un nuovo collegamento tra le Strade provinciali n. 49 e 51, in una zona a pochi metri dal torrente Bevera.
Secondo gli ambientalisti, la nuova arteria stradale andrebbe a deturpare una delle ultime aree verdi che interessa il territorio di Molteno, a confine con Sirone. Già oggi Molteno ha il triste primato di essere uno dei comuni più cementificati (se non addirittura il primo!) di tutta la provincia di Lecco!

Il progetto della nuova bretellina dovrebbe correre quasi parallelo al corso del torrente Bevera; inoltre in quell'area la falda acquifera ha una profondità di poche decine di centimetri. Pertanto la strada andrebbe ad interessare una zona dal delicato equilibrio ambientale e idrogeologico.

Precisa Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente: "Non ci piace nessuno dei due progetti previsti. Non ci convinceva quello che aveva inizialmente ipotizzato la Provincia di Lecco, ovvero il collegamento tra la via Grandi (a confine con Sirone) e la Rettola, tracciato che in futuro avrebbe dovuto sfociare a Coroldo, superando, non si sa come, il Gandaloglio e la ferrovia. Questo tracciato avrebbe devastato l'area verde al confine tra Molteno e Sirone, zona in cui la falda è quasi affiorante. Altrettanto non ci piace il progetto vagliato ora dal Comune di Molteno, che dovrebbe collegare sempre la via Grandi con la SP 49 all'altezza del supermercato. In entrambi i casi avremmo la deturpazione di aree verdi. Anzi, il tracciato previsto da Molteno segue quasi in parallelo il torrente Bevera, mettendone a rischio la sua naturalità. Ricordiamo infatti che le aree verdi vicine ai corsi d'acqua devono rimanere inviolate, proprio per consentire eventuali esondazioni naturali. Se invece il Bevera viene affiancato da una nuova strada, la possibilità di esondazione (che è un fenomeno naturale) viene meno, e questo potrebbe mettere a rischio l'abitato di Molteno, che in passato ha già sofferto per il rischio allagamenti!".

Continua Fumagalli: "La nuova bretellina servirebbe solo a spostare il problema del traffico da una parte all'altra della due strade provinciali, anzi potrebbe creare problemi davanti alla zona del supermercato. Sarebbe vantaggiosa solo per qualche ditta che utilizza numerosi TIR per movimentare le merci, azienda che sciaguratamente qualche anno fa il comune di Molteno ha autorizzato in quella zona, secondo noi non idonea sia per la vicinanza al Bevera che per il continuo via-vai di camion!".

Alla luce di quanto sopra, il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" chiede pertanto al Comune di Molteno di rinunciare al progetto inutile e devastante della nuova bretellina stradale!

Circolo Ambiente Ilaria Alpi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco