Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 192.707.369
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/01/19

Lecco: V.Sora: 83 µg/mc
Merate: 77 µg/mc
Valmadrera: n.d. µg/mc
Colico: 85 µg/mc
Moggio: 95 µg/mc
Scritto Martedì 01 gennaio 2019 alle 08:25

30 anni fa/47: biblioteca pronta al trasloco in V.Facchi e stop al suono delle campane a Galgiana. Voglia di Russia al Greppi

Entro gennaio la biblioteca sarà trasferita in Villa Facchi. A dare l'annuncio sul finire del 1988 è il sindaco di Casatenovo Giovanni Maldini. I lavori nella prestigiosa struttura residenziale sono praticamente agli sgoccioli e gli utenti - giovani e meno giovani - sono ad un passo dal fare il loro ingresso nella dimora di Via Castelbarco, acquistata dal Comune dieci anni prima per una spesa di circa 80 milioni di lire, comprensiva anche del parco circostante. Ben più onerosa la somma richiesta per le opere di restauro della villa, da adibire appunto a nuova sede della biblioteca, e per gli arredi. Se questa parte sembra essere praticamente pronta, devono essere ancora conclusi i lavori relativi all'ala nella quale saranno ricavati la sala riunioni, per mostre e convegni, oltre alla sede di alcune associazioni.

Villa Facchi, sede della biblioteca di Casatenovo

Il servizio prestiti e consultazione dei volumi occuperà il primo e il secondo piano dell'immobile mentre al terzo troveranno posto gli audiovisivi, sempre a disposizione della biblioteca, oggi ospitata all'interno del palazzo municipale. Una parte di villa è ancora occupata dai proprietari - in particolare da Paolo Facchi- ma il Comune vanta il diritto di prelazione in caso di vendita.
A Galgiana intanto monta la preoccupazione per il....campanile, che appare essersi inclinato di qualche millimetro. Il parroco don Antonio Brambilla chiede l'aiuto dei tecnici comunali, già incaricati di effettuare dei rilievi periodici per tenere monitorata la situazione. Ad ogni modo, per evitare che le cose possano peggiorare, il sacerdote decide di sospendere il suono delle campane - portatrici di pericolose vibrazioni - sino a quando ogni rischio non sarà definitivamente archiviato. Per la piccola comunità parrocchiale c'è però in quegli stessi giorni anche una novità positiva: la chiesa di Sant'Anna può riaprire i battenti dopo essere stata sottoposta ad alcuni interventi di restauro. Nel suo caso si temeva per il possibile cedimento della copertura dell'edificio religioso, che è stato così scenario di massicci lavori durati alcune settimane.

Don Antonio Brambilla dice messa durante i lavori di sistemazione della chiesa di S.Anna

Il malumore serpeggia sul finire dell'anno anche a Rogoredo: un gruppo di residenti scrive infatti al partito socialista - che siede tra le fila della minoranza in consiglio comunale - chiedendo di sollecitare interventi a favore della popolosa frazione casatese. I cittadini lamentano infatti l'assenza di servizi, parcheggi pubblici, luoghi di ritrovo ed esercizi commerciali e denunciano una condizione di degrado che interesserebbe alcune strutture private presenti nella località. ''Basta parlare soltanto della sistemazione di Piazza Mazzini'' tuonano i rogoredesi nel loro appello ai socialisti, che promettono di interessarsi celermente alla situazione.

Villa Greppi, sede della scuola superiore e il sindaco Vittorio Cazzaniga

Intanto a Villa Greppi, l'istituto superiore di Monticello, c'è voglia di Russia. Dopo un viaggio estivo alla presenza dei docenti Silvana Barni e Pietro Boratto, è tutto pronto per dare il via ad un gemellaggio con una scuola dell'Unione Sovietica. Attivati i canali ufficiali tramite il consolato, si è ora in attesa di conoscere il nome del plesso che sarà legato a Villa Greppi da un rapporto di collaborazione e amicizia.
Il consiglio comunale invece, dà il via libera all'adozione del nuovo Piano regolatore: fra le maggiori novità dell'amministrazione di Vittorio Cazzaniga spiccano i previsti insediamenti in edilizia economico-popolare a Torrevilla, Casirago e Cortenuova e una nuova strada verso le piscine di Villanova, costeggiando il cimitero. Si ipotizza un collegamento fra Villa Greppi e la neonata caserma dei carabinieri e infine un senso unico in Via dei Mille, a Casatevecchio, vincolato però alla realizzazione - da parte di Casatenovo - di una strada fra Monteregio e Via Montegrappa all'altezza dello svincolo per le Besanelle. Il documento urbanistico prevede poi il recupero delle corti Viganò e Stallo, nel cuore del paese.

La cementeria di Cassago

Cassago infine, proprio sul finire dell'anno, riceve un bel regalo di Natale: la cementeria cede finalmente al Comune il nuovo centro sportivo che comprende campo di calcio, pista di atletica, spogliatoi e servizi, secondo la convenzione sottoscritta dalle parti nei mesi precedenti.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco