Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 199.093.067
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/04/19

Lecco: V.Sora: 120 µg/mc
Merate: 115 µg/mc
Valmadrera: 124 µg/mc
Colico: 118 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Venerdì 18 gennaio 2019 alle 08:48

Coldiretti Como-Lecco: bene la pioggia sui boschi dopo gli incendi

Bene la pioggia sui boschi del comprensorio lariano, dopo una lunga fase siccitosa che ha favorito il dilagare degli incendi protrattisi per giorni dall'inizio del nuovo anno, sul Berlinghera e in Alto Lago: sono andati in fumo centinaia di ettari e si stima che ci vorranno oltre 15 anni per veder ricrescere il bosco laddove è stato distrutto.
La superficie boschiva occupa oltre 63.000 ettari in provincia di Como e oltre 42.000 in quella di Lecco (dato 2016) e risulta in crescita costante: le province lariane sono, tra le lombarde, quelle dove la superficie di bosco è maggiormente incisiva rispetto alla superficie totale, a Lecco tocca il 52% del territorio totale e a Como il 49,8%.
"Va tuttavia precisato che la crescita delle superfici boscate è, in primis, frutto dell'abbandono dei terreni marginali non più coltivati per mancanza di redditività: ciò costituisce un grosso pericolo perché, come purtroppo si è visto, favorisce gli incendi e i disastri ambientali che si possono essere evitati proprio "coltivando" il bosco, e ciò sottolinea ancor più l'importanza del lavoro delle imprese che operano in ambito agroforestale" spiega il presidente di Coldiretti Como Lecco Fortunato Trezzi.
"Il bosco è una risorsa fortemente connessa allo sviluppo delle filiere e alla continuità imprenditoriale nel settore, oggi assicurata da generazioni di giovani boscaioli che costituiscono soggetti indispensabili alla "cura del bosco" nel settentrione lombardo e, in particolare, nel Comasco e Lecchese".
Il bosco, per il territorio lariano, ha sempre rappresentato una risorsa di imprescindibile importanza sotto il profilo economico: e si tratta di una risorsa rinnovabile, come dimostra il fatto che, ad oggi, sul territorio delle nostre province il taglio boschivo è di gran lunga inferiore alla capacità di crescita dello stesso: di fatto, i boschi sono quindi in estensione e rappresenteranno, anche per gli anni futuri, una risorsa con cui interagire, "coltivandola" e "coltivando" con essa le possibilità di sviluppo per le imprese che operano nel segmento agroforestale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco