Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 194.859.621
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/02/19

Lecco: V.Sora: 59 µg/mc
Merate: 27 µg/mc
Valmadrera: 55 µg/mc
Colico: 50 µg/mc
Moggio: 93 µg/mc
Scritto Giovedì 31 gennaio 2019 alle 14:15

Garbagnate: avanzo dimezzato in due anni. Nel 2019 telecamere e sistemazione strade

Approvato con l'astensione dei due gruppi di minoranza, il bilancio 2019-2020 a Garbagnate Monastero. Il documento, preceduto dal documento unico di programmazione (DUP) che contiene gli indirizzi, è stato portato in consiglio nella serata di martedì 29 gennaio, occasione in cui il sindaco, ormai al termine del mandato, ha provato a tracciare un breve bilancio di governo.
Il 2018 si è chiuso, per le casse comunali, con un avanzo di 510.000 euro (l'avanzo libero è pari a 234.000 euro), ben 300.000 euro in meno rispetto al 2017 e più della metà di quello del 2016. "Siamo orgogliosi di questo risultato perché significa che i soldi sono stati spesi per il paese. Riteniamo di aver lavorato per aver fatto star bene i nostri cittadini. In modo particolare siamo intervenuti in maniera massiccia sulla scuola primaria e sulla biblioteca con una spesa di oltre un milione di euro" ha affermato il sindaco Sergio Ravasi, introducendo gli interventi messi a programma per quest'anno.
50.000 euro è la somma destinata alla sicurezza, ovvero all'implementazione del sistema di video sorveglianza con l'installazione di sei nuove telecamere che potranno coprire 15 punti del paese. Un'operazione prevista nel prossimo mese. Come era già stato annunciato, sono previsti altri 40.000 euro per gli arredi della biblioteca, che verrà inaugurata nel mese di marzo.

Una veduta della maggioranza. Quarto da destra il sindaco Sergio Ravasi

"L'impresa ha posizionato il linoleum, provvederà poi con gli arredi nuovi: i vecchi scaffali ancora in buono stato verranno utilizzati per il magazzino. Si dovrà provvedere a quel punto con la pulizia e la ricatalogazione dei volumi presenti prima di inaugurare il nuovo spazio" ha specificato. A tale proposito Mauro Colombo ha chiesto per quale motivo siano stati previsti 6.000 euro complessivi sul 2020 e 2021. "Abbiamo lasciato da parte delle quote per l'acquisto di 50 sedie e due impilatori in modo da poterle avere a disposizione per i grandi eventi".
102.000 euro è la somma destinata alla realizzazione del marciapiede e al collegamento con la carrozzabile esistente su via Ruscolo (previsto a partire da aprile) mentre 47.000 euro sono state collocate sul capitolo della viabilità. Andranno a coprire l'asfaltatura di via Milano, l'attraversamento pedonale e la nuova banchina stradale su via Pertini e le nuove cunette su ambo i lati di via Firenze.
Altre opere sono la realizzazione dell'area di sosta su via Como e su via Europa per risolvere il problema dei mezzi pesanti che restano parcheggiati lungo le vie.
L'amministrazione intende intervenire anche sull'impianto di illuminazione: 7.500 euro sono già stati utilizzati per dotare la palestra di nuove luci a Led mentre 4.500 euro è la spesa che il comune sosterrà per acquisire i 179 punti luce della pubblica via sui quali interverrà Enel Sole con un intervento di 40.000 euro.
Ci sono novità anche al cimitero: 8.177 euro serviranno a sostenere la sistemazione dei gradoni di ingresso mentre 1.700 euro copriranno l'acquisto di una macchina automatica di porta annaffiatoi e scope per evitare i continui furti.
L'amministrazione ha inoltre destinato un contributo straordinario di 10.000 euro al gruppo degli alpini per "alleggerire il carico economico della costruzione della baita a servizio dell'intera cittadinanza". Proprio su questo punto non sono mancati gli strali dei due gruppi di minoranza con Maurizio Fumagalli che l'ha definito "una mancia elettorale". Ha subito voluto difendersi dall'attacco il primo cittadino. "Avevamo stanziato 38.500 euro per l'area feste ma, dato che abbiamo concluso la convenzione con le aziende, li abbiamo tolti. Il 12 febbraio le due aziende andranno a firmare l'atto notarile con fideiussione che garantisce la realizzazione dell'opera. Altra cosa sono i 10.000 euro per gli alpini: tale cifra è frutto di una convenzione votata l'anno scorso in cui dicevamo che, se co fosse stata la copertura finanziaria, avremmo dato un contributo e così abbiamo fatto. È triste che si voglia far credere altro. Sin dall'inizio abbiamo detto che il gruppo è apolitico e che volevamo fare piazza pulita delle vecchie idee di politica".
Nel 2019 è anche previsto il rifacimento dell'impianto elettrico della scuola dell'infanzia. Nel nuovo appalto della mensa il comune aveva chiesto in via prioritaria la sostituzione del forno. Tale richiesta però comporta un intervento a livello elettrico per circa 50.000 euro, già accantonati per lo scopo grazie allo spazio concesso a livello nazionale ai piccoli comuni. Entro il 15 maggio dovrà dunque essere appaltato il nuovo lavoro. È poi prevista l'assunzione di una nuova impiegata a livello amministrativo attraverso la Provincia, dopo che la procedura di mobilità è andata deserta.

I consiglieri di minoranza Maurizio Fumagalli, Mauro Colombo e Ilaria Villa

La consigliera di opposizione Ilaria Villa ha voluto sapere se l'amministrazione ha già fatto programmi per il centro estivo dei ragazzi o se lascia la gestione ai prossimi amministratori. Il progetto è già stato inserito all'interno della convenzione con l'impresa sociale Girasole.
"Quest'amministrazione si lamenta spesso di non avere i soldi, ma perché non sono stati riscossi i mutui in scadenza?" ha rincarato il collega del gruppo "Tradizione e futuro" Mauro Colombo. Secondo Ravasi, e come confermato dal ragioniere Alberto Pisoni, per estinguere due mutui in scadenza nel 2022, il comune dovrebbe pagare circa 130.000 euro, cifra che si ridurrebbe di 30.000 euro se il passaggio dovesse avvenire nel 2020. "Lo abbiamo già vagliato ma non è sostenibile. Lo sarà invece dal prossimo anno".
Il consigliere Maurizio Fumagalli ha invece chiesto se i 41.500 euro destinati ad ordine pubblico e sicurezza, significhino che si abbandona la convenzione con Castello Brianza. Pronta rassicurazione di Ravasi che si è anzi detto contento del servizio reso dato che "val la pena spendere qualcosa in più per la sicurezza". A questo proposito ha detto riferito che al mattino sarà presente il vigile mentre dal primo pomeriggio fino alle 18, dal lunedì al venerdì, sarà attivo il servizio convenzionato.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco