Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 198.975.565
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/04/19

Lecco: V.Sora: 120 µg/mc
Merate: 115 µg/mc
Valmadrera: 124 µg/mc
Colico: 118 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Venerdì 01 febbraio 2019 alle 21:48

Cassago, Fragomeli interviene sulla crisi della maggioranza: ''bisogna cambiare registro''

Gian Mario Fragomeli e Rosaura Fumagalli
''Problemi di comunicazione certamente ce ne sono stati'', ammette il deputato del Partito Democratico Gian Mario Fragomeli ma che "la discussione all'interno della lista Progetto Cassago Democratica fosse in corso da mesi è un dato di fatto". E' quanto ha rivelato l'ex sindaco di Cassago Brianza, prendendo tardivamente le distanze dalle esternazioni dell'ormai ex assessore Lorenzo Colzani di inizio gennaio che hanno dato avvio, almeno pubblicamente, alla crisi dell'attuale maggioranza, sancita definitivamente dalla remissione delle deleghe, mercoledì sera, dello stesso Colzani e del collega Marco Cossetta. Il silenzio stampa ufficiale di Fragomeli è durato fino a oggi ma, dopo aver firmato il documento per convocare l'assemblea pubblica del 12 febbraio, il deputato ha voluto esprimere la sua visione su quanto accade nel comune dove è stato sindaco per dieci anni. "Da mesi ci stavamo incontrando e abbiamo affrontato anche il tema delle ricandidature: alcune cose di questa amministrazione sono positive, altre meno" ci ha detto. Secondo lui di "candidature automatiche non ce ne sono mai state" e a maggior ragione non ce ne sono in un'amministrazione che, dopo cinque anni di governo, "non ha centrato a pieno gli obiettivi che ci eravamo prefissati". A suo parere insomma, "ci sono cose che oggettivamente non sono state fatte e bisogna cambiare registro. C'è stato un rallentamento dell'attività amministrativa" ha detto, aggiungendo come sia quindi doverso "valutare soluzioni diverse sulle candidature, in particolare su un nuovo autista da mettere alla guida della macchina amministrativa". Nonostante nessuno metta in discussione l'impegno e il lavoro dell'attuale sindaca, c'è bisogno di "fare qualcosa di più". Sulle tempistiche che possono apparire sospette, a soli pochi mesi dalle elezioni, Fragomeli non ha dubbi a rispondere che si è aspettato solo ora a far uscire la questione, convocando l'assemblea solo il 12 febbraio, per "permettere all'attuale amministrazione di continuare a lavorare in tranquillità fino a fine mandato". L'assemblea servirà a spiegare "ciò che non è andato e delineare come ci muoveremo nei prossimi 5 anni perché dobbiamo essere trasparenti e franchi con i cittadini, spiegando la rottura tra la lista e la sindaca che, nella sua massima libertà, ha deciso di non presentarsi con noi".
Alla base della scelta, secondo Fragomeli, è stata la mancanza di una visione comune tra la sindaca, con la maggioranza dei consiglieri, e la lista. O partito, come ha già suggerito qualcuno.
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco