Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 199.093.115
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/04/19

Lecco: V.Sora: 120 µg/mc
Merate: 115 µg/mc
Valmadrera: 124 µg/mc
Colico: 118 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Giovedì 07 febbraio 2019 alle 16:52

Circolo Ambiente Ilaria Alpi: ''no alla cementificazione dell'area verde del golf club di Annone''

Roberto Fumagalli
"No alla cementificazione dell'area verde del golf club di Annone Brianza". Così denuncia il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi", intervenendo a seguito della discussione, avvenuta nel Consiglio Comunale annonese, relativa alla modifica del Piano integrato di intervento sull'area del "golf club".
Dichiara Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente: "Sebbene l'attuale maggioranza consigliare abbia deciso di ridurre la volumetria da 9000 a 7500 metri cubi, siamo comunque in presenza di una pesante cementificazione di un'area che andrebbe invece mantenuta a verde. È chiaro che l'errore maggiore è stato fatto dalle precedenti amministrazioni, che hanno approvato il Piano di intervento da 9 mila metri cubi. Però ora, dopo che son passati alcuni anni senza che la proprietà abbia attuato il Piano, l'attuale amministrazione avrebbe dovuto avere il coraggio di bloccare l'intero progetto di costruzione, modificando il PGT fino a rendere non edificabile tutto il comparto. Oltretutto, il Piano integrato è indirizzato a residenze "turistiche" o seconde case di lusso, quindi non siamo nemmeno in presenza di un'esigenza primaria dei cittadini di Annone".
Ma il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" vuole anche allargare lo sguardo a tutto il territorio dell'Oggionese e non solo, ricordando che la priorità, in quella che è una delle zone più cementificate, deve proprio indirizzarsi alla conservazione e tutela dell'ambiente.
Conclude a tal proposito Fumagalli: "Noi ribadiamo ancora una volta che il territorio della Brianza lecchese non ha bisogno di altro cemento e di altri mattoni. Si favorisca piuttosto la riqualificazione degli edifici non utilizzati dei vecchi nuclei, come ve ne sono ad esempio nel centro storico di Annone, recuperando il patrimonio edilizio sfitto o inutilizzato, senza sacrificare le preziose aree verdi".
Il Circolo Ambiente "Ilaria Alpi" chiede pertanto al Comune di Annone di rivedere il Piano integrato, rendendo non edificabile tutto il terreno del golf club.
.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco